Vergine

Se volete proprio saperlo, sono vergine. Sul serio. Le occasioni di perdere la mia verginità e via discorrendo non mi sono mancate davvero, ma ancora non mi è riuscito. Succede sempre qualcosa. Se siete da una ragazza, per esempio, i suoi genitori tornano sempre a casa sul più bello – o voi avete paura di vederli arrivare. Se siete seduti dietro sulla macchina di qualcuno, davanti c’è la lei di qual qualcuno – una ragazza, voglio dire – che ha la fissazione di sapere che cosa succede in ogni angolo di quella maledetta macchina. Voglio dire che davanti c’è sempre una ragazza che continua a girarsi per vedere cosa diavolo sta succedendo. Ad ogni modo, ne capita sempre una.
Holden Caulfield, da J. D. Salinger, Il giovane Holden

Risponde la donna: «…Il marito quando scopre che non è vergine la moglie, ritenuta vergine prima delle nozze, la odia per sempre e la disprezza e per questa ragione la somma iniquità del ripudio e la causa di sterno divorzio…».
Dice l’uomo: «…Si racconta che molte vergini molto gentili amarono, come è di Ampelice e Isotta e Biancofiore […]. Se una vergine non si ingegna per forza d’amore d’innalzare la propria fama, non merita di avere un marito degno di lode […]. Il marito buono non potrà odiarla, perché non avrebbe potuto trovare una moglie di tanta gentilezza se non avesse sperimentato conoscenza d’amore e non ne avesse seguito i comandamenti…».
Andrea Cappellano, De amore, libro primo

«E se esce che ‘stu Blancè di una setta satanica?».
«Meglio. Mi dite dove si riuniscono, a che ora e cosa fanno nei riti. Se sacrificano una vergine, un capretto, un pollo…».
«Fa veni’ li brividi». Deruta annì d’accordo con il collega: «Interveniamo?».
«Nel caso della vergine sì» ordinò Schiavone.
«Shine, so’ capite. E se non è vergine?».
«Allora non intervenite».
«Come facciamo a sapere se è vergine oppure no?».
Antonio Manzini, Ah l’amore l’amore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: