Buona Pasqua

Dice la prima pagina di un giornale «a Pasqua molti divieti e poche libertà». Non è vero. Ora vi elenco tutte le cose meravigliose che si possono fare:

finire di leggere quel libro che stava lì dalla fine delle vacanze di Natale
progettare la divisione in gruppi per la classe di cui si è coordinatori in vista della ripresa della didattica in presenza alternata (prima su un pezzo di carta, poi trascrivere in un file di word, poi sul registro elettronico)
realizzare quella ricetta per il primo che tenevate in mente da tempo per la cerchia dei famigliari o coinquilini più un invitato
camminare intorno a casa (fino a 6 km di distanza)­­¹
guardare una serie alla tv (con una pausa per il pranzo)
telefonare ad amici che non si sentono da mesi con la scusa degli auguri
da quale gruppo wa mi depenno a questo giro?

Continua a leggere “Buona Pasqua”

Placebo

Dice l’Economist: «Nella sperimentazione clinica per valutare il vaccino, il 39 per cento di quanti lo avevano ricevuto ha riferito almeno un effetto collaterale, nella maggioranza dei casi dolore al punto dell’iniezione, mal di testa o febbre passeggera. Lo stesso è avvenuto al 28 per cento dei soggetti a cui era stato iniettato un placebo». E questo forse spiega perché chi è stato vaccinato deve continuare a seguire tutte le regole del distanziamento.

Penitenziagite

Lazio rosso domenica ecologica a Roma manca solo che scendiamo tutti in piazza e ci frustiamo a sangue urlando sono pentito per tutti i miei peccati. Intanto è arrivata una circolare: dice, in attesa di chiarimenti da parte delle autorità competenti, le ss. vv. sono pregate di non allontanarsi dalla sede di servizio. E chi si allontana, sono anche in isolamento fiduciario

Miracolo

Alba la presero in duemila il 10 ottobre, nel 1973 un milione di napoletani furono vaccinati contro il colera in una settimana. Cito a caso: governo Rumor, il sindaco un medico democristiano, vaccini sparati da una portaerei Usa da grosse siringhe a pistola (poi vietate) utilizzate in Vietnam, le sezioni del Pci trasformate in centri per la vaccinazione, le vittime 277, la prima il 20 agosto una ballerina inglese, l’ultimo il 19 settembre, ma la liquefazione nell’ampolla non avvenne.

Cultura

Repubblica trova incongrua la nomina di Lucia Borgonzoni sottosegretario alla Cultura perché ha dichiarato di non leggere un libro da tre anni e non perché a proposito di Rosa Maria Dell’Aria, i cui studenti pubblicarono delle slide in cui Salvini veniva paragonato a Hitler, ha detto che «una prof del genere dovrebbe essere cacciata con ignominia e interdetta a vita dall’insegnamento».

Problema

Draghi ha nominato 23 ministri, 15 sono politici e 8 tecnici (15+8=23 stacce), un terzo sono donne (un terzo di 23 è tipo 7,66 periodico, lo 0,66 periodico è Brunetta), tre quarti sono del Nord (anche qua viene fuori un numero periodico, a conferma di quello che c’è scritto sopra). Veniamo al sodo: quante ministre politiche donna del Sud sono state nominate da Draghi?

I buoni propositi per il 2021 (aggiornamento):

Vincere un premio
Per quanto riguarda togliere il saluto a: come comportarsi con chi non risponde al tuo saluto?
La prima volta era distratto
La seconda si è girato dall’altra parte
La terza volta vado dritto
Per quanto riguarda il premio va bene anche se lo vince qualcuno a cui tengo grazie a me
Epicuro, se avesse avuto i social, avrebbe spesso pigiato il tasto «non seguire più»
Per quanto riguarda i buchi nelle mattonelle l’ideale sarebbe trovare qualcuno che deve ristrutturare casa
Il premio potrebbe essere anche la gloria?
Leggere Perrault in lingua originale: fatto. A breve lo schema della bella addormentata alla stazione di Anagnina.

Porcile

Odio la domenica mattina anche durante le vacanze, specie se le vacanze non sono vacanze e stanno per finire. Per fortuna però stamattina non mi è arrivato nessun appello da firmare contro la riapertura della scuola. E tra poco più di un’ora ricomincia a rotolare il pallone.

Nota bene: il blog si intitola «Non vado a scuola ma all’asilo». La sezione si intitola «Porcile».

Nota (anche) bene che piove. Di qui la necessità dell’ombrello.

Is this the real life? Is this just fantasy?

I Romani tenevano buono il popolo con panem et circenses, oggi poco panem, circenses il giusto (più che altro il pallone, il cinema no perché si prende coviddi), tanti numeri, ma hai visto che giochi psichedelici: rosso, giallo, arancio, rosso, no arancio, no giallo, no rosso, di nuovo arancio ma solo per sei ore, tutto rosso, tutto giallo. E non so se avete notato che quando non è rosso piove o c’è una riunione a oltranza.

I buoni propositi per il 2021:

Un buon punto di partenza potrebbe essere togliere il saluto a:
Autobannarsi da tutti i gruppi whatsapp (se non proprio tutti, la maggior parte)
Disimparare il congiuntivo e poi impararlo di nuovo e dire caspita quanto è potente il congiuntivo
Che però vada usato con cautela
Imparare a fare i buchi nelle mattonelle con il trapano (naturalmente è una metafora)
Leggere Perrault in lingua originale (non so perché non l’ho fatto finora)
A proposito: la bella addormentata alla fine della storia viene svegliata da un capostazione e gli dice (lei a lui) non voglio più essere il personaggio delle storie che vi raccontate su di me (spoiler).