Transizione ecologica

Poiché anche quest’anno, a quanto sembra, insegnerò geografia, cioè geostoria, che contiene anche la geografia, o almeno geo, ho bisogno di un chiarimento urgente: cosa si intende per transizione ecologica? quali sono gli obiettivi della transizione ecologica? un obiettivo è quello di azzeccare le previsioni del tempo? a che punto siamo nella transizione ecologica? Siamo a un punto?

Basilicata

I vicini stanno compilando uno schema di parole incrociate, uomini e donne di mezza età. Un tizio chiede di quale Stato è capitale Addis Abeba. Un altro risponde forse dell’Algeria (7 lettere, finisce con ia, ci sta). Mi allontano 5 minuti, quando torno uno dei tizi dice che lui una volta sapeva tutte le capitali, anche della Cambogia, vinceva sempre. E anche ora sa che il Monte Bianco è alto 4810 metri e il secondo monte più alto è il Monte Rosa, l’Everest non so quanto, gli affluenti del Po di destra e di sinistra eccetera. Una tizia dice che un nipote di 13 anni sosteneva che la capitale della Francia è Napoleone. Un’altra tizia dice ma a che serve la scuola, che molti non sanno nemmeno dov’è la Basilicata. Che non sanno nemmeno se c’è chiosa il tizio che sapeva tutte le capitali. E vivono bene lo stesso sto per dirgli.

No grazie, il caffè mi rende nervoso

Il regolamento che disciplina la bevuta del caffè al bar: caffè lungo green pass caffè corto free caffè normale segue le regole vigenti tavolo al chiuso green pass all’aperto free caffè macchiato green pass tranne macchiato freddo ma non se è freddo perché si è raffreddato cappuccino solo da asporto consumare ad almeno 100 metri dal locale, vietato per ovvie ragioni il caffè americano. Segue disciplinare su pericolosità del caffè al vetro, dosi consentite di zucchero, possibili correzioni, surrogati e altri intrugli.

Furbofono

Ho avuto uno scambio di battute con il furbofono. Ci tengo a precisare che ha cominciato lui.
– Chiedimi cosa c’è oggi all’ordine del giorno
– Cosa c’è oggi all’ordine del giorno?
– Nel tuo calendario non sono presenti eventi (falso, era in programma un viaggio in treno)
– Ti credevo più intelligente
– Divento più intelligente ogni giorno
– Altroché secondo me sei tutto grullo
– Ecco i risultati della tua ricerca per «grullo»

Non vinciamo mai.

Piccola storia ignobile

Piccola storia ignobile. Siccome dobbiamo gettare una sedia e le zampe di metallo di un tavolo (che si possono gettare in un cassonetto anche in pieno giorno) e l’isola ecologica vicino casa è sbarrata da settimane, ci rechiamo all’isola ecologica di Cinecittà, dove, per rivendicare il diritto a gettare rifiuti ingombranti ci chiedono la ricevuta della Tari. La Tassa dei rifiuti pagata dice il tizio all’entrata, va bene anche una foto sul telefonino. Che naturalmente non ce l’abbiamo perché siamo usciti di casa pensando che portare rifiuti ingombranti all’isola ecologica sia un dovere.

Continua a leggere “Piccola storia ignobile”

Buona Pasqua

Dice la prima pagina di un giornale «a Pasqua molti divieti e poche libertà». Non è vero. Ora vi elenco tutte le cose meravigliose che si possono fare:

finire di leggere quel libro che stava lì dalla fine delle vacanze di Natale
progettare la divisione in gruppi per la classe di cui si è coordinatori in vista della ripresa della didattica in presenza alternata (prima su un pezzo di carta, poi trascrivere in un file di word, poi sul registro elettronico)
realizzare quella ricetta per il primo che tenevate in mente da tempo per la cerchia dei famigliari o coinquilini più un invitato
camminare intorno a casa (fino a 6 km di distanza)­­¹
guardare una serie alla tv (con una pausa per il pranzo)
telefonare ad amici che non si sentono da mesi con la scusa degli auguri
da quale gruppo wa mi depenno a questo giro?

Continua a leggere “Buona Pasqua”

Placebo

Dice l’Economist: «Nella sperimentazione clinica per valutare il vaccino, il 39 per cento di quanti lo avevano ricevuto ha riferito almeno un effetto collaterale, nella maggioranza dei casi dolore al punto dell’iniezione, mal di testa o febbre passeggera. Lo stesso è avvenuto al 28 per cento dei soggetti a cui era stato iniettato un placebo». E questo forse spiega perché chi è stato vaccinato deve continuare a seguire tutte le regole del distanziamento.