CHRISTIAN RAIMO Sono tornato parla del fascismo in modo ambiguo

[Internazionale, 2 febbraio 2018]

Si poteva fare a meno del film Sono tornato, con la regia di Luca Miniero e scritto con Nicola Guaglianone: uno dei primi problemi è che parte da un’idea fin troppo semplice.

Benito Mussolini (Massimo Popolizio, molto di mestiere ma bravo) risorge nei giardini di piazza Vittorio a Roma: è stordito di ritrovarsi nel 2017, ma non ha perso l’ambizione di credersi il duce e di poter riconquistare l’Italia. Se all’inizio è una specie di goffo marziano, e le persone lo scambiano per un matto travestito da Mussolini, dopo poco Andrea Canaletti, giovane e velleitario regista precario (Frank Matano, un’interpretazione disastrosa), capisce il potenziale per trasformarlo in un personaggio famoso, prima su YouTube e poi in tv. Continua a leggere “CHRISTIAN RAIMO Sono tornato parla del fascismo in modo ambiguo”

Le parole sono solo parole?

21 settembre 2013
In una classe di nativi Invalsi solo uno sa spiegare in un quesito a risposta aperta cosa significa collaborazionista (per quasi tutti è uno che collabora, per uno si usa per indicare i soci in affari), due sanno spiegare mellifluo (uno fornisce tutto un suo pamphlet per dire che «si dice che un oggetto è mellifluo quando le sue caratteristiche fisiche possono variare quando viene stimolato da una forza esterna a causa della sua struttura fluida»), due conoscono il significato corretto di stizza che per tutti gli altri è sinonimo di paura (ma anche «una persona che non si arrende»), per 18 deficienza è sinonimo di stupidità (e basta), uno azzarda un esempio: «la comunicazione deficie di una firma», «disomogeneo si dice di una sostanza in cui si possono vedere ad occhio nudo le materie di cui è composta», «irreversibile si riferisce a una persona che non può cambiare idea». Continua a leggere “Le parole sono solo parole?”

TERESA CELESTINO Il mito dello staff del dirigente scolastico: divide et impera

[Roars, 14 settembre 2020]

L’Associazione Nazionale dei Collaboratori dei Dirigenti Scolastici (A.N.Co.Di.S.) sta chiedendo a gran voce l’istituzione di una nuova figura contrattuale: il cosiddetto “quadro intermedio”, la cui introduzione renderebbe possibile un avanzamento di carriera per una parte degli insegnanti. Questo provvedimento, profondamente divisivo per la comunità scolastica, è stato più volte auspicato dall’Associazione Nazionale Presidi in riferimento a un “middle management” di docenti fedeli al dirigente, per accedere al quale l’A.N.Co.Di.S. propone una vera e propria sanatoria nascosta dietro una procedura concorsuale (regionale e riservata alle sole figure che hanno dapprima usufruito di una apposita e discrezionale nomina dirigenziale). I cambiamenti imposti dalla pandemia in corso potrebbero accelerare questo ulteriore processo di destrutturazione della scuola pubblica, nella quale la dimensione culturale della professione docente è sempre più vilipesa. Il presente articolo esamina le implicazioni etiche e culturali dell’introduzione di gerarchie stabili all’interno della classe docente.

Nel corso di una intervista del 2017 Alessandro Barbero, noto professore di Storia medievale presso l’Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Continua a leggere “TERESA CELESTINO Il mito dello staff del dirigente scolastico: divide et impera”

Nostalgia

La parola «nostalgia», coniata nel seicento dal medico svizzero Johannes Hofer, è composta dalle parole greche nostos (ritorno) e algos (dolore). Il sottinteso è  che le riflessioni sul passato sono segnate dalla sofferenza. Hofer usava il termine per descrivere una presunta malattia riscontrata nei soldati mercenari svizzeri che si struggevano per la loro patria. Era convinto che i sintomi della malattia . tra cui attacchi di pianto e perdita di appetito – fossero causati dalla «vibrazione degli spiriti animali attraverso quelle fibre del mesencefalo in cui resiste ancora l’idea di patria».

Elizabeth Svoboda, Il piacere proibito della nostalgia, «Internazionale», 1364, 26 giugno 2020

SERENA TUSINI La DAD è tratta?

[COBAS – Giornale dei comitati di base della scuola, 24 agosto 2020]

Nelle Linee guida ministeriali prevista la DaD anche fuori dai periodi di emergenza

Stanno facendo di tutto per fare in modo che la scuola esca trasformata alla radice dall’evento della pandemia. L’ultimo pesante passaggio sono le Linee guida per la Didattica digitale integrata, attraverso cui il Ministero dell’Istruzione spinge affinché quella didattica digitale che ha fallito nelle scuole e nelle famiglie diventi strutturale.

Nelle Linee guida si dice infatti che le scuole superiori dovranno inserire nella programmazione una quota di “didattica digitale integrata, intesa come metodologia innovativa di insegnamento-apprendimento”. Il punto infatti è proprio questo perché il Ministero non è tanto interessato alla DaD (lo hanno più volte dichiarato, criticando quei docenti che hanno continuato a fare lezioni frontali anche se a distanza), ma sta cercando di portare a casa una accelerazione importante delle metodologie legate alla scuola digitale.

Continua a leggere “SERENA TUSINI La DAD è tratta?”

PLV (RETE BESSA) A scuola di rabbia. Sulla riapertura scolastica, la colpevolizzazione dei giovani e molto altro

dead-poets-society

[Giap, 1 settembre 2020]

17 agosto 2020. Estratto da una conversazione realmente avvenuta.

– Oh, poi mi spieghi la faccenda di come si torna a scuola?
– Oggi i giornali titolavano che si ritornerà a scuola in sicurezza.
– Ah, quindi?
– Nessuno aveva mai messo in dubbio che si ritornava a scuola in sicurezza, non c’era motivo per ribadirlo. Se lo fanno è perché stanno insinuando il dubbio.

Il lunedì dopo Ferragosto il Governo ha gradualmente esplicitato il suo piano per la scuola. Repubblica ha dedicato la prima pagina alla riapertura della scuola per 6 giorni di fila. Un’attenzione inesistente quando, poco più di un mese prima, le proteste per chiedere una riapertura della scuola in sicurezza erano nelle piazze e non sui social. Ma da Ferragosto in poi, ciò che fino a quel momento non era mai stato messo in dubbio è diventato prima discutibile, poi problematico, infine quasi impossibile. Continua a leggere “PLV (RETE BESSA) A scuola di rabbia. Sulla riapertura scolastica, la colpevolizzazione dei giovani e molto altro”

EUGENIO MONTALE La casa dei doganieri

[Da «Le occasioni»]

Tu non ricordi la casa dei doganieri
sul rialzo a strapiombo sulla scogliera:
desolata t’attende dalla sera
in cui v’entrò lo sciame dei tuoi pensieri
e vi sostò irrequieto.

Libeccio sferza da anni le vecchie mura
e il suono del tuo riso non è più lieto:
la bussola va impazzita all’avventura.
e il calcolo dei dadi più non torna
Tu non ricordi; altro tempo frastorna
la tua memoria; un filo s’addipana.
Continua a leggere “EUGENIO MONTALE La casa dei doganieri”

FABRIZIO DE ANDRÈ Il testamento di Tito

In questa canzone metto in bocca a uno dei ladroni crocifissi con Gesù una lettura provocatoria dei dieci comandamenti, che il ladrone smonta uno per uno smascherando l’ipocrita convenienza di chi li aveva dettati: è facile dire «non desiderare la roba e la donna d’altri» quando si possiedono palazzi e concubine; oppure «non ammazzare» quando hai le mani sporche del sangue di innumerevoli crocifissioni. E ancora: se oggi fai il delatore sei un benemerito, mentre un tempo il peccato di Giuda era il peggiore.

“Non avrai altro Dio all’infuori di me”
spesso mi ha fatto pensare:
genti diverse venute dall’Est
dicevan che in fondo era uguale. Continua a leggere “FABRIZIO DE ANDRÈ Il testamento di Tito”

IGIABA SCIEGO Cosa fare con le tracce scomode del nostro passato

[Internazionale, 9 giugno 2020]

Roma è una città fascista. La frase potrebbe suonare come una bestemmia. Probabilmente lo è. Ma il fatto è che nella storia della capitale sono evidenti le tracce del ventennio. Chi abita nella capitale lo sa bene, i fasci littori spuntano stampigliati sui tombini quando meno ce lo aspettiamo, compaiono su un ponte o in alcuni murales. Spesso quando andiamo in una scuola, all’università o in un ufficio postale incappiamo in qualche palazzo d’epoca che presenta segni più o meno occulti del passaggio del regime. Molte delle case in cui abitiamo sono state costruite negli anni trenta e nei cortili di certi palazzi è visibile la grande M di Mussolini.
Continua a leggere “IGIABA SCIEGO Cosa fare con le tracce scomode del nostro passato”