Anglismi

Perché la Rai deve chiamare Rai Educational il settore delle trasmissioni scolastiche educative? E perché si deve usare spending review per indicare la revisione della spesa pubblica? […] In queste abitudini non vedo tanto un pericolo per la lingua, ma per quelli che la parlano, e che la parlano con scarsa e insufficiente padronanza. Mi ricorda un po’
il latino adoperato dall’ Azzeccagarbugli per raggirare Renzo […]. Questo è quanto accade oggi con l’uso dell’inglese o dell’italiano stesso in molte manifestazioni del linguaggio burocratico.

Andrea Camilleri, Tullio De Mauro, La lingua batte dove il dente duole

CLAUDIA PEPE Mi chiamo Paolo, signor Invalsi

[https://comune-info.net/2016/05/mi-chiamo-paolo-signor-invalsi/, 11 maggio 2016]

Io mi chiamo Paolo e domani mi hanno detto che dovrò fare le prove Invalsi. Non ho capito tanto a quello che servono, ma hanno detto che sono importanti… Io mi chiamo Paolo faccio la terza media… e non mi piace essere un numero da catalogare e valutare solo se metto una crocetta nel posto giusto… Io mi chiamo Paolo e le mie insegnanti mi hanno insegnato tante cose che non troverò su quella carte del Ministero. Io non so neanche cosa sia il Ministero, non è mai venuto nella mia Scuola, non mi conosce… Con i miei insegnanti ho scoperto la Musica, a scendere le scale insieme a Montale, ho parlato di Peppino Impastato e Pasolini, ho imparato ad amare le cause perse, le vite nascoste… Mi hanno insegnato che la Scuola rende liberi… I signori Invalsi che non sono mai venuti nella mia Scuola e non sanno che mi chiamo Paolo, che ho le lentiggini e una famiglia onesta, non sanno che il fallimento è uno zoppicamento salutare dell’efficienza della prestazione. E io sono giovane e questo è il mio tempo per zoppicare, per sbagliare… Le mie insegnanti fanno sciopero perché credono in me e in tutti i loro allievi. Perché l’unica possibilità di rinascere è scoprire, per fortuna, di essere unici e diversi nel fallimento che si chiama amore…”.

Io mi chiamo Paolo e domani mi hanno detto che dovrò fare le prove Invalsi. Non ho capito tanto a quello che servono, ma hanno detto che sono importanti per la rilevazione degli apprendimenti Continua a leggere “CLAUDIA PEPE Mi chiamo Paolo, signor Invalsi”

BARBARA MORLEO Dico no all’Invalsi perché io valgo. Lettera

[Orizzonte Scuola, 3 aprile 2017]

I test Invalsi erano nati con il fine di valutare la qualità del sistema scolastico nazionale.

Questa finalità è cambiata dopo pochi anni e i test, da rilevazione a campione, sono diventati censuari. Attraverso questa diversa modalità di applicazione, è cambiato anche l’obiettivo della somministrazione: si è passati dalla valutazione del sistema scolastico nazionale, a quella d’istituto, alla quale viene collegata la valutazione degli insegnanti.

Tale commistione è gravemente impropria perché, come gli stessi esperti della valutazione ricordano, l’utilizzo dei test per più finalità è inappropriato, in quanto ciascun obiettivo richiede informazioni diverse e necessita quindi di adattare gli strumenti di rilevazione. Continua a leggere “BARBARA MORLEO Dico no all’Invalsi perché io valgo. Lettera”

ALAIN GOUSSOT La nuova fabbrica di servitù

[Comune-info, 13 febbraio 2016]

Negli ultimi ventitré anni, dalla riforma Berlinguer che fu l’anticamera del processo di smantellamento della scuola democratica, si è assistito a una formazione sempre più segmentata, orientata all’acquisizione di abilità tecniche, di competenze funzionali alle esigenze dell’impresa e dell’economia finanziaria. Il passaggio dalla scuola delle conoscenze a quella delle competenze ha significato meno conoscenze trasversali e sapere e più abilità tecnicistiche settoriali.
Purtroppo questo è avvenuto perché si è arresa la pedagogia come scienza dello sviluppo umano globale e degli apprendimenti, la pedagogia come filosofia dell’educazione che mira a formare l’uomo e il cittadino consapevole, critico, in grado di pensare con la propria testa e di collegare il particolare con il globale. Continua a leggere “ALAIN GOUSSOT La nuova fabbrica di servitù”

Ebreo

Il 30 Marzo 1933, il ministro della Propaganda in Germania, Joseph Goebbels, mi convocò nel suo ufficio […] e mi propose di diventare una sorta di “Fuhrer” del cinema tedesco. Io allora gli dissi: «Signor Goebbels, forse lei non ne è a conoscenza, ma debbo confessarle che io sono di origini ebraiche» e lui: «Non faccia l’ingenuo signor Lang, siamo noi a decidere chi è ebreo e chi no!». Fuggii da Berlino quella notte stessa.

(dal documentario Jorge Dana, Fritz Lang, il cerchio del destino, 2000)

ANNA CURCIO E se portassimo l’amaca nel cortile di una scuola?

[Commonware, 24 aprile 2018.

Appunti di inchiesta su scuola, studenti e lavoro

Dire, da una posizione classicamente perbenista di sinistra, che il comportamento dello studente di Lucca sia da ricondurre a una questione di mala educación in capo a proletari o ceti popolari, non è soltanto classismo, vuol dire non avere la benché minima idea dei processi di trasformazione della scuola, del lavoro e della composizione sociale. La scuola, invece, ha proprio l’involontario vantaggio di essere un efficacissimo punto di osservazione dei cambiamenti che interessano i giovani, le famiglie, i comportamenti. Continua a leggere “ANNA CURCIO E se portassimo l’amaca nel cortile di una scuola?”

MARTA FANA L’alternanza scuola lavoro inasprisce le disuguaglianze

Leggo che il neo ministro dell’istruzione ha dichiarato che l’alternanza scuola-lavoro va mantenuta perché fa bene al paese. Forse dovremmo dire che fa bene a mantenere alta la pressione sociale indotta dalla disoccupazione perché per ogni posto di lavoro sostituito da uno studente-lavoratore, obbligato a lavorare senza retribuzione, è un posto di lavoro sottratto a un lavoratore.

È un istituto che dequalifica più che qualificare proprio perché avalla un sistema di continua rotazione dei lavoratori e quindi la possibilità per le imprese di non investire in formazione continua con lavoratori più stabili. Continua a leggere “MARTA FANA L’alternanza scuola lavoro inasprisce le disuguaglianze”