FEDERICA CAPPUCCIO Il pensiero di Andrea Gavosto sulla riapertura della scuola

Un piano del ministero per la riapertura non c’è, il plexiglass non va bene, è claustrofobico e antididattico (ma ha fatto parlare di sé per una settimana), con la didattica a distanza si è avuta una caduta degli apprendimenti del 30, 40, 50 per cento. Quanto ci piace a Confindustria quantificare gli apprendimenti. Tra l’altro sono dati americani. Cosa ci incastra la scuola italiana con gli americani? E poi vai a sapere cosa intendono questi qui per apprendimenti. Vedi infra. La generazione che ha subito il distanziamento didattico ne porterà una «cicatrice indelebile, che renderà più difficile sia il proseguimento degli studi sia l’ingresso nel mercato del lavoro». Non dimentichiamolo: la quarantena ha interrotto anche i PCTO, con tutti danni che ne conseguono. Fine delle premesse. Continua a leggere “FEDERICA CAPPUCCIO Il pensiero di Andrea Gavosto sulla riapertura della scuola”

Breakdown (Crollo nervoso)

[Diario DaDa, 7 maggio-9 giugno 2020]

7 maggio
Il primo capitolo del diario della DaDa era possibilista. Nessun entusiasmo (non ci poteva essere), ci è capitato di dover fare lezione da una finestrella, cerchiamo almeno di mantenere il contatto. Anche questo aspetto si è rivelato illusorio. Il secondo capitolo si apre con la constatazione che la DaDa è infernale. In sottofondo suona, ossessiva, De Do Do Do, De Da Da Da dei Police: Da Da De Do Do Do, De Da Da Da Da Da De Do Do Do, De Da Da Da eccetera. Il terzo capitolo vira sull’horror. Come il film di Cronenberg a cui si ispira («Videodrome»), affronta il tema della mutazione indotta da una tecnologia invadente. Il quarto capitolo è noir. Si intitola «Breakdown» («Crollo nervoso», episodio del 1955 di «Alfred Hitchcock presenta»). Continua a leggere “Breakdown (Crollo nervoso)”

MARCO GUASTAVIGNA Il pig-bang è già avvenuto

[post su facebook, 22 maggio 2020]

Sinceramente.
La scuola a logistica da definire mi preoccupa. E molto.
Ma ciò che mi indigna è la scuola della canalizzazione, del distanziamento culturale, della discriminazione nel campo della conoscenza, della capacità di interpretare, della emancipazione critica e consapevole. Della cittadinanza repubblicana, insomma.
E questa è lì, in piena e trionfante azione.
Quando è toccato a me, c’era un bivio alla fine dell’elementare.

Quando è toccato ai miei figli -dopo la riforma del 1962 – era diventato un trivio, che si delineava a 14 anni. La summa dell’ipocrisia era poi l’esame finale
Continua a leggere “MARCO GUASTAVIGNA Il pig-bang è già avvenuto”

UMBERTO CURI La scuola non è più scuola se è solo tecnologia

[Strisciarossa, 15 maggio 2020]

Per quanto ancora frammentari e non univoci, i messaggi che ci raggiungono in questo esordio della fase a proposito della scuola sono ben più che allarmanti. Pur prescindendo dai provvedimenti adottati a partire dalla fine di febbraio, e sostanzialmente prorogati fino al prossimo mese di settembre, concentrati sulla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, ciò che preoccupa non poco è quanto filtra relativamente a ciò che dovrebbe accadere nel prossimo anno scolastico. Per dirla in estrema – ma realistica – sintesi, la prospettiva che emerge è quella di una definitiva e irreversibile liquidazione della scuola nella sua configurazione tradizionale, sostituita da un’ulteriore generalizzazione e da una ancor più pervasiva estensione delle modalità telematiche di insegnamento.

Esibendo in numerose occasioni un atteggiamento immotivatamente trionfalistico, neanche si trattasse di annunciare la cancellazione del contagio virale Continua a leggere “UMBERTO CURI La scuola non è più scuola se è solo tecnologia”