SANDRA ZINGARETTI Maccarone m’hai provocato?

[post su facebook, 1 giugno 2020]

Ogni tanto qualcuno si lamenta dei troppi acronimi che affliggono il mondo della Scuola, compresi quelli tanto cari al recente documento dell’ANP, l’Associazione Nazionale Presidi (che poi si dovrebbe rinominare ANDS, ma va be’…)
E allora ecco qua: “Maccarone m’hai provocato?”.

DIP (da non confondere con RIP)= Didattica in Presenza

DAD= “Didattica” (purtroppo) a Distanza.

VAD= valutazione a distanza (per valutare “oggettivamente” gli alunni o forse i loro amici, i fratelli, le sorelle, i genitori, i nonni, Internet…).

FAD= sistema di Formazione A Distanza. Padre di DAD e nonno di VAD.

UDA (ex UD, Unità Didattiche, ex MOD, Moduli)= Unità di Apprendimento (D.lgs 59/94 – D.lgs 226/95).

UDAD= Unità di apprendimento a distanza, perché senza un’uda ti senti nuda.

PIA= Pia, Pia Maria e pìatela… o anche Piano di integrazione degli apprendimenti, riprogettazione disciplinare con gli obiettivi di apprendimento non affrontati o da approfondire (art.2 O.M. maggio 2020)

PAI= Prodotti Alimentari Industriali, noto marchio di patatine in busta, o anche Piano di apprendimento individualizzato, predisposto dal Consiglio di classe in caso di valutazioni inferiori a sei decimi (art.6 dell’O.M. e art.2. comma 2 del D.Lgs. n.62 del 2017)

PEI= Piano educativo individualizzato, strumento per l’integrazione nella scuola degli alunni con disabilità, redatto all’inizio dell’anno scolastico da tutto il CdC, più spesso dall’insegnante di sostegno da solo.

PEP= Piano Educativo Personalizzato per alunni con disabilità o con DSA che seguono la programmazione di classe per obiettivi minimi, che in realtà spesso è la stessa di tutta la classe.

PDP= Piano Didattico Personalizzato, documento che compila la scuola, ma rappresenta un patto d’intesa fra docenti, famiglia e istituzioni socio-sanitarie, anche se poi ‘st’intesa…

PSP= Piano di Studio Personalizzato (L. 53/2003) per la customer satisfaction.

PON= Programma Operativo Nazionale previsto dal Quadro Comunitario di Sostegno (QCS) e finanziato dai Fondi Strutturali Obiettivo 1. La somma di due PON fa un PON PON.

PNF= Partito Nazionale Fascista o anche Piano Nazionale Formazione Docenti (antifascista).

PNSD= Piano Nazionale Scuola Digitale, pilastro fondamentale della #buonascuola (legge 107/ 2015 de li mortangheri de renzi).

PTOF (ex POF, DPR 275/1999)= sembra uno sputo, invece è il Piano Triennale dell’Offerta Formativa, documento di identità della scuola e strumento di progettazione delle attività scolastiche e del curricolo, nonché delle attività extracurricolari.

RAV= Recreational Activity Vehicle o anche Rapporto di autovalutazione delle scuole (introdotto dal DPR n° 80 del 2013) prima fase del processo indicato dal Sistema Nazionale di Valutazione.

GAV= Gruppo di AutoValutazione, vicino al NIV (Nucleo Interno di Valutazione) e non lontano dal SUV (Sport Utility Vehicle).

PCTO ex ASL, Alternanza scuola lavoro= Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (legge di Bilancio 2019) ché Bussetti ci teneva a ricordare a tutti che ce l’aveva più lungo… l’acronimo.

MIUR= Macchinosi Impiegati Ufficialmente Ridondanti o anche Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal 2020 diviso in MI, il Ministero dell’Istruzione guidato dall’Azzo, e MUR, il Ministero dell’Università e della Ricerca guidato da un ologramma chiamato Manfredi.

USP, USR, UST= Ufficio Scolastico Territoriale, ex CSA (Centro Servizi Amministrativi) a sua volta ex Provveditorato agli studi, soppresso con l’art. 6 del DPR 6 novembre 2000, n. 347 e sostituito da USR= Ufficio Scolastico Regionale, a sua volta diviso a livello provinciale in CSA ridenominati dal 2006 USP= Uffici Scolastici Provinciali (direttiva Fioroni 7-09-2006) e ridenominati dal 2010 UST= Uffici Scolastici Territoriali o AT(P)= Ambiti Territoriali (Provinciali), (articolo 8, comma 3, del DPR 20 gennaio 2009, n. 17) URGH!

ATA= è tutto il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, quindi non docente, che lavora nella scuola italiana (d.lgs. 16 aprile 1994, n. 297). È diviso in quattro aree: Area A, Collaboratori scolastici (CS) che tanto tutti chiamiamo bidelli; Area AS, Collaboratori scolastici addetti all’azienda agraria (CR); Area B, Assistenti Amministrativi (AA) che tanto tutti chiamiamo segretari e gli assistenti tecnici (AT); Area D, Direttori dei servizi generali ed amministrativi (DSGA). Ai CS è stato affidato dal Cts (Comitato tecnico scientifico al cui interno opera la Task force voluta dall’Azzo) il delicato compito di sanificare, igienizzare, sanitizzare, santificare, bonificare, spurgare, disinfettare, disinfestare e derattizzare le scuole.

ITP= Insegnanti Tecnico-Pratici, prevalentemente diplomati, con specifiche competenze di tipo tecnico-pratico per i laboratori delle scuole secondarie, dove sono indispensabili. A volte anche introvabili.

DS= Dirigente scolastico (legge n. 59/1997 dell’autonomia demèrd) che tanto tutti continuiamo a chiamare Preside.

AP= Assegnazione Provvisoria, trasferimento annuale, come le Utilizzazioni. È valido solo per l’anno in cui viene ottenuto, ma si mantiene la titolarità di sede o di ambito risultata dai trasferimenti, tanto siamo tutti provvisori a questo mondo.

IRC= insegnamento della religione cattolica, lascito mussoliniano, craxianamente facoltativo dal 1984. Amen.

COE – COI= Cattedre Orario Esterne – Cattedre Orario Interne, previste dall’OD (Organico di Diritto) insieme alle CIM (Centro di Igiene Mentale o anche Cattedre Interne Miste) in contrapposizione alle ORD (cattedre ORDinarie). Tra le tipologie di posti in organico c’è anche l’OF (Organico di Fatto) e l’OP (Organico di Potenziamento). Chiaro no?

DTI/DTD = docenti a Tempo Indeterminato / Determinato, anche detti docenti di ruolo e docenti precari, questi ultimi spesso destinati dal sistema a rimanere tali per intere decadi.

PROF= insegnante uomo; in alcuni AT (ambiti territoriali) anche donna.

PRESSORE’= insegnante donna (solo in alcuni AT).

AD= Animatore Digitale, tipo l’animatore dei villaggi turistici, che però non fa ridere. Si occupa del digitale insieme a un team di tre docenti (nota 4604/2016) previsto nel PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale). Poi però è arrivata la DAD ed è stato subito panico.

DOP= Denominazione di Origine Protetta o anche Dotazione Organica Provinciale in cui finiscono quei docenti TI senza specifica sede perché in esubero. Se prolungato, può portare il docente al DOP, Disturbo Oppositivo Provocatorio.

RSPP= Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Quelli che quando succede qualcosa ce li hai in mezzo al cuore.

RSU= Rappresentanza Sindacale Unitaria, cioè non meno di tre persone di una scuola elette da tutti i colleghi iscritti e non iscritti al sindacato. Un lavoro tra l’incudine e il martello…

CD= Compact Disc o anche Collegio Docenti, quello che l’ANP con l’ultimo documento vorrebbe svuotare dei pochi poteri che gli sono rimasti.

CdC= Consiglio di Classe, ma anche Classe di Concorso, sennò è troppo semplice.

CdI= Consiglio di Istituto, organo collegiale formato dal DS, dai rappresentanti dei docenti, del personale ATA, dei genitori e degli alunni (solo delle secondarie di II grado); è dotato di autonomia amministrativa e può deliberare sulla scuola in cui opera su proposta della GE (Giunta Esecutiva). Avanti c’è posto.

CdV= Comitato di Valutazione, lavora gratis et amore Dei e valuta un po’ ad recchiam l’anno di prova dei docenti (D.Lgs. 297 del 1994 e l’immancabile Legge n.107/2015 demérd).

CE= China Export o anche Commissione Elettorale di circolo o di istituto che provvede all’organizzazione delle elezioni degli organi collegiali.

CIA= Central Intelligence Agency o anche Compenso Individuale Accessorio per il personale ATA (art. 82 CCNL 2006/2009).

ISIS= Islamic State of Iran and Iraq o anche Istituto Statale di Istruzione Superiore (che è meglio).

AFAM= ‘a fam che fai in Italia con l’Alta Formazione Artistica e Musicale (L. 21 dicembre 1999, n.508).

LEP= Livelli Essenziali di Prestazione delle scuole di ogni ordine e grado (L.131/2003) un acronimo essenziale quando si parla di prestazioni…

PECUP= Profilo Educativo, Culturale e Professionale (L. 131/2003) che l’alunno deve possedere a conclusione dei corsi scolastici e di formazione professionale, ancora in voga.

OSA= Obiettivi Specifici di Apprendimento (L.131/2003) stabiliti per ogni disciplina impartita nelle scuole (mentre gli OSA del sistema della formazione scolastica sono stabiliti dalle Regioni)… e chi osa? Io non oso.

INVALSI (ex CEDE= Centro Europeo dell’Educazione, 1974) Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione, 1999; ente di ricerca dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, riordinato con la L.296/2006, ha come competenze (precisate nel D-Lgl.213/2009). Nello stesso Decreto vengono attivati: il SERIS (Servizio di Rilevazione di Sistema): l’ADAS (Archivio Docimologico per l’Autovalutazione delle Scuole); l’ONES (Osservatorio Nazionale sugli Esami di Stato) istituito sulla base dell’art. 14 del DPR 323 del 23.07.1999 per monitorare la riforma degli esami di Stato e la terza prova. È inserito nell’SNV, Servizio Nazionale di Valutazione, istituito con D.Lgl 150/2009. Praticamente un carrozzone che contiene altri carrozzoni e che, in una scuola improntata all’inclusione, non tiene conto della disabilità… tra le altre cose.

CBT= Computer Based Testing – È una tecnologia che permette di sostenere esami tramite computer basato su Test somministrato (come l’olio di ricino) in versione informatizzata a partire dall’anno 2016/17. Quest’anno però gli è andata male…

ESABAC= esame di stato+baccalaureato: non sapere nulla di storia, ma in francese.

ANSAS= Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ex INDIRE, Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa) istituita con L.296/2006 (Min. Fioroni, quello del cacciavite).

POLIS= Città greca o anche Portale Online delle Istanze, Servizio Istanze OnLine per presentare in formato digitale tutte le domande relative alla scuola, quello di cui perdi sempre il codice insomma.

SIDI= Sistema Informativo Dell’Istruzione, area riservata in cui sono disponibili le applicazioni (e relative comunicazioni) per le segreterie scolastiche e gli uffici dell’Amministrazione. Ma era meglio SIDI bilancio.

TEAL= Technology-Enhanced Active Learning, è una metodologia progettata nel 2003 dal MIT di Boston per unire la lezione frontale a simulazioni e attività laboratoriali con le tecnologie.

TIC= tecnologie dell’informazione e della comunicazione; avviate dalla C.M. 55 del 2002, all’interno del Piano Nazionale di Formazione sulle Competenze Informatiche e Tecnologiche del Personale della Scuola, che se i tic non ce l’hai, ti vengono.

CLIL= Content and Language Integrated Learning cioè Approfondimento Integrato di lingua e Contenuto, è sinonimo di language immersion, l’immersione linguistica in una L2. In Italia è diventato obbligatorio con la Riforma Gelmini della scuola secondaria
superiore, che prevede la formazione degli insegnanti presso le università. Shish.

BYOD= Bring Your Own Device, “porta mammeta”, magari col lunch box, o anche “porta il tuo dispositivo”, che prevede la didattica con i device di ultima generazione degli studenti (anche perché se aspettiamo quelli in dotazione alle scuole italiane…).

SCORM= Shareable Content Object Reference Model, Modello di Riferimento per gli Oggetti di Contenuto Condivisibile, modello virtuale di e-Learning per la catalogazione degli oggetti didattici LO (Learning Object) con moduli di Contenuto Digitale Didattico (=CDD) di cui fa parte la LIM= lavagna interattiva multimediale, entrata nella scuola con il Progetto “DiGi Scuola” (2006-2008). Scorm rende bene l’idea.

EAS= Episodi di Apprendimento Situato, metodologia introdotta dal prof. Rivoltella, diffondendosi in Italia a partire dal 2014, è articolata in 3 fasi: preparatoria, operatoria e ristrutturativa, attuando il capovolgimento della tradizionale lezione frontale. Tipo la didattica flipped, tanto siamo già flippati a distanza.

LMS= Learning Management System, Sistema di gestione dell’apprendimento basato sui supporti digitali invece che sui libri. Vuoi mettere il digitale? Tse’.

PBL= Project Based Learning è un modello di insegnamento e apprendimento intorno ai progetti, centrato sullo studente. Uno dei più amati dall’ANP.

IBSE= educazione scientifica basata sull’investigazione, approccio induttivo all’insegnamento delle scienze che mette al centro dell’apprendimento l’esperienza diretta, un po’ tra il tenente Colombo e Jessica Fletcher.

MOF= (Fondo per il) Miglioramento dell’Offerta Formativa (art. 40 del CCNL 2016/2018) un po’ mof, un po’ lof…

FIS= Fondo d’Integrazione Salariale, disciplinato dal decreto interministeriale 3 febbraio 2016, n. 94343, quello che non basta mai.

MAD= (domanda di) messa a disposizione; può essere presentata da chiunque abbia titolo per l’insegnamento direttamente alle scuole.

GAE (ex Graduatorie Permanenti)= graduatorie a esaurimento (di chi ci sta dentro).

GM= graduatorie di merito. Forse.

SSIS= scuola di specializzazione all’insegnamento secondario a caro prezzo. Attivata al I ciclo nell’Anno Accademico1999-2000 e chiusa al IX ciclo nell’Anno Accademico2008-2009.

TFA= Tirocinio Formativo Attivo, sostituisce la SSIS a partire dall’Anno Accademico 2011/2012.

PAS= Percorsi Abilitanti Speciali (DL.58 del 25 luglio 2013)

FIT= Formazione Iniziale Tirocinio, nata e morta nel 2017.

CCNL/CCNI= Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e Contratto Collettivo Nazionale Integrativo, quelli che ogni tanto vorrebbero smontare o comunque non rinnovare.

SISSI= Sistema Integrato per la gestione delle Segreterie Scolastiche Italiane, software di Controllo di Gestione (Co.Ge.) del MIUR. Da non confondere con la nota principessa.

IDA= Istruzione per gli adulti, appunto IDA, che affianca la sorella EDA (Educazione Degli Adulti).

ELISA= E-Learning degli Insegnanti sulle Strategie Antibullismo – Piattaforma del MIUR (legge 71/2017).

SOFIA= Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti, che rientra nel PNF (legge 107/2015).

RITA= Rendita Integrativa Temporanea Anticipata.

EMMA= European Multiple MOOCs Aggregator, progetto nato per organizzare a livello europeo la piattaforma MOOC (Massive Online Open Courses).

SANDRA Z= Senza Avere Nessuna Dad Resto Allegramente Zingara

…l’acronimo è femmina.

GLI, GLHI, GLHO, GLIP, GLIR (non saranno poche sigle?)= Gruppi di lavoro per l’inclusione (GLI), introdotti dalla circolare n. 8/13; Gruppi di lavoro e di studio d’istituto per l’integrazione scolastica (GLHI), già previsti dall’art. 15 della legge 104/92; gruppi di lavoro operativi per l’integrazione (GLHO) previsti dall’art. 12, co 5 della legge 104/92. Affiancati dai Gruppi di Lavoro Interistituzionali Provinciali (GLIP) e dai Gruppi di Lavoro Interistituzionali Regionali (GLIR).

DSA= =Disturbi Specifici dell’Apprendimento, dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia (Legge 8 ottobre 2010, n. 170) compresi poi negli alunni con BES che a volte non sono BES ma H.

BES= Bisogni Educativi Speciali (Direttiva del 27 dicembre 2012) da non confondere però con BES= Benessere Equo e Sostenibile, indice sviluppato dall’ISTAT (Istituto nazionale di STATistica) e dal CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), per valutare il progresso non solo economico come il PIL (Prodotto Interno Lordo)… va be’ no, così mi incarto.

OCSE= Organizzazione Europea per la Cooperazione e lo Sviluppo: verifica la corrispondenza tra i titoli di studio dei paesi membri; monitora risultati, successo scolastico, organizzazione scolastica e risorse.

PISA= famosa per la torre pendente e per il Program for International Student Assessment, Programma per la valutazione internazionale dello studente, una rilevazione/valutazione a campione delle conoscenze e competenze acquisite dagli studenti al termine della scuola dell’obbligo, in cui gli ambiti ruotano ogni tre anni: lettura (reading literacy), matematica (mathematical literacy) e scienze (scientific literacy).

CPIA (ex CTP, Centro Territoriale Permanente)= Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti (DPR n. 263 del 29 ottobre 2012)

LLP= Lifelong Learning Program cioè Apprendimento Permanente (Raccomandaz. del Parlam. Eu
e del Consiglio 18 dic 2006) concetto di istruzione e formazione lungo tutto l’intero arco della vita. Ad esso sono legati i programmi Comenius, Leonardo, Erasmus e Jean Monnet.

CSPI= Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione) ex CNPI (Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione).

EQF= European Qualification Framework, cioè Quadro di riferimento europeo per le qualifiche, ratificato al Consiglio europeo di Lisbona marzo 2000, dispositivo di traduzione e una griglia di conversione e lettura con una struttura a 8 livelli, strettamente legato all’Europass e al Label.

EUROPASS= registro delle competenze certificate e dei titoli acquisiti.

LABEL europeo= attestato di qualità attribuito ai progetti per l’insegnamento linguistico.

ERASMUS= European Region Action Scheme for the Mobility of University Students, il più “amato” da Fusaro.

ECVET= European Credit System for Vocational Educationand Training, cioè Quadro di riferimento europeo per il sistema di trasferimento e accumulo dei crediti: è un sistema in grado di attribuire dei crediti alle qualifiche o alle sue componenti (unit).

BBUU= BibbidiBobbidiBBUU, ah no… Bollettini Ufficiali, elenchi delle scuole statali dell’infanzia, primarie, secondarie di I grado e di II grado, distinte per regione e provincia con i rispettivi CM (Codici Meccanografici) utili ai fini della presentazione delle domande di mobilità.

ECDL= European Computer Driving Licence, Patente europea per il computer, attestato che certifica il possesso delle competenze informatiche di base, verificate mediante il superamento di esami, il cui contenuto è definito a livello internazionale nel Syllabus.

MOODLE= Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, Ambiente per l’apprendimento modulare, dinamico, orientato ad oggetti.

QSN= Quadro Strategico Nazionale elaborato da ogni stato membro nella politica di coesione 2007-13; in Italia il QSN è stato indirizzato alle politiche di contrasto dell’abbandono e della dispersione scolastica.

Fesr= Fondo europeo di sviluppo regionale e Fse=Fondo sociale europeo, sono i principali fondi
strutturali o nell’ambito dell’istruzione e della formazione della UE.

VET= Quadro di riferimento europeo per la costruzione di un sistema condiviso di istruzione e formazione tecnico-professionale.(DPR 15 marzo 2010).

NoiPa= Portale degli stipendi del personale scolastico, l’acronimo più amato dai docenti.

END= Esperti Nazionali Distaccati (dalla realtà) istituto che consente ai funzionari della PA (Pubblica Amministrazione) dei Paesi membri dell’UE (Unione Europea) di realizzare un’esperienza lavorativa e professionale presso l’UE. Vado.

Ma siccome al peggio non c’è mai fine, gli acronimi scolastici continuano…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: