La presidente ha ucciso una zanzara con un compito

Inizia un diario dell’esame di Stato che si intitola «La presidente ha ucciso una zanzara con un compito». In realtà è un diario in differita. I personaggi sono veri, tranne i nomi di fantasia, ma i fatti si sono svolti 8 anni fa. Mi piace ricordare che quell’esame si è svolto in gran parte all’aperto, senza lavagna interattiva, con un pc collegato alla rete attraverso un filo di 50 metri, nel cortile della scuola da cui ero partito tre anni prima e dove sarei tornato tre anni dopo. Le date sono state adattate.

15 giugno
Nell’armadio della commissione oltre alla cancelleria e alle scartoffie ci sono due bocce: una di gel per igienizzare (spesso) le mani, una di disinfettante per superfici offerto da Nonna Papera. Servirebbe anche una boccia di Autan. C’è mezza risma di carta. Dice che ce ne danno un’altra quando l’abbiamo finita e anche il toner è scarso. Forse ci divertiamo a stampare i cruciverba per passare il tempo in attesa dei colloqui. D’altra parte, ho impiegato mezz’ora per capire il percorso dall’ingresso all’aula della commissione, ma non sono riuscito a capire qual è il percorso, e se c’è, per andare a fare una fotocopia (nella nostra scuola non era facile orientarsi nemmeno prima del Covid-19, ndr). Zanzare per ora non se ne sono viste.

17 giugno
Prima prova. Estrazione della lettera. Palma ha i dadi. Procedo con i dadi, esce 1 e 1 cioè A. La presidente dice che A non va bene, sembra che non abbiamo neppure fatto l’estrazione. Procede Concetta con il libro: esce la P. Dice che non si può cominciare da un alunno con la P perché è il più bravo della classe e uccide tutti gli altri. Si decide che l’estrazione la faranno i ragazzi. Arriva una e pesca una lettera: esce la A.

18 giugno
Non vorrei aver sentito male, ma a un certo punto uno mi ha detto che Alcyone è stato scritto da Ungaretti. Allora chiedo allarmato: Alcyone… Ungaretti? E allora il candidato ha chiarito: Alcyone è dedicato a Ungaretti.

19 giugno
Oggi ho imparato che gli elettroni sono oggetti molto piccoli, che Zeno è un signore piuttosto grande di età, che Van Gogh ha litigato con Gauguin, che il 12 per cento dei giovani sono disoccupati nonostante l’Italia sia una repubblica fondata sul lavoro, che la Fiom produce automobili. Stella mi ha bruciato i Limoni. Il miglior film visto come alternanza scuola lavoro: Vita da zucchina.

20 giugno
Una ragazza ha presentato sulla mappa un autore che si chiama William Coleridge che per un momento pensavo fosse un cugino del noto poeta romantico.
La prof di inglese se ne accorge e chiede: Coleridge… what’s his name?
William…
Are you sure?
Forse…Williams.

22 giugno
Oggi ho imparato che nel 1935 l’Italia ha conquistato l’Algeria, che Lenin ha abdicato in favore di Stalin, che Eichmann faceva il capotreno, che appendere la bandiera all’incontrario è vilipendio alla bandiera, che la Risiera di San Sabba è in Sardegna. Pirandello fa l’esempio della signora… anziana che si trucca per sembrare una regazzina.

23 giugno
Al poeta in Ho sceso dandoti il braccio almeno un milione di scale non servono più i biglietti del treno o le coincidenze perché la moglie è morta e ogni gradino che scende da solo sente il vuoto della sua mancanza. E inoltre tra i due anche se portava gli occhiali ci vedeva meglio lei.

29 giugno
Il prof non si ricorda la domanda.
La candidata: se vuole vado a fare una passeggiata e torno.

30 giugno
I personaggi dei Malavoglia… N’Toni rappresenta la rivoluzione e Alessi la tradizione. N’Toni cerca di scappare con la Provvidenza ma fa naufragio e così Verga ci fa capire che la rivoluzione non è possibile. Alessi ricostruisce la casa del nespolo. Dubbio: N’Toni torna a nuoto?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: