GRETCHEN VOGEL – JENNIFER COUZIN-FRANKEL Chiudere o aprire le scuole? Ogni paese ha la sua risposta

[Science, tradotto da Internazionale, 26 novembre 2020]

Quando in aprile e maggio la prima ondata di casi di covid-19 si è attenuata, in molti paesi, dalla Nuova Zelanda alla Norvegia al Giappone, le scuole hanno riaperto e il virus è rimasto perlopiù sotto controllo. Le autorità sanitarie e scolastiche hanno esultato, perché pensavano che gli enormi vantaggi dell’istruzione in presenza superassero il rischio di diffusione del virus tra i bambini e gli insegnanti, e dalle scuole alle comunità più in generale.

Di conseguenza molti paesi che all’inizio si erano mossi con cautela, in agosto e settembre hanno riaperto le porte delle aule. Nel Regno Unito, in Danimarca e nei Paesi Bassi, le scuole sono passate dall’alternare piccoli gruppi di studenti alle classi complete. Città come Montréal, in Canada, che avevano tenuto le scuole chiuse, hanno accolto di nuovo gli studenti. A Manaus, in Brasile, una città con un numero di morti per covid-19 tra i più alti al mondo, più di centomila studenti sono tornati in classe. Negli Stati Uniti, gli adolescenti sono tornati ad affollare i corridoi delle scuole in Georgia, Iowa e Texas.

Ma adesso la situazione è molto diversa: in molte zone il contagio è salito a livelli ancora più alti rispetto all’inizio dell’anno.

Un quadro complesso
A luglio, Science ha esaminato i dati per lo più incoraggianti che arrivavano dalle prime riaperture delle scuole in aree con una diffusione minima del virus. Oggi, il controllo delle aperture scolastiche nei paesi dove i contagi sono in ripresa dipinge un quadro più complesso dei rischi che si corrono e di come potrebbero essere affrontati.

Il virus ha messo in luce le disparità tra i paesi e all’interno dei vari stati, e una delle più inquietanti è quella nel campo dell’istruzione. In molti paesi, come l’India, il Messico e l’Indonesia, la maggior parte delle scuole è ancora chiusa. Negli Stati Uniti, gli studenti iscritti alle scuole pubbliche delle grandi città, da Los Angeles a Chicago, che anche in tempi normali possono avere difficoltà a fornire abbastanza sapone e carta igienica, continuano a studiare da casa, mentre le ricche scuole private hanno installato tendoni per fare lezione all’aperto e hanno assunto più insegnanti per ridurre le loro classi già piccole. “Le disuguaglianze tra una scuola e l’altra sono imperdonabili e strazianti”, dice Tom Kelly, preside della Horace Mann school, una scuola privata di New York City che ha avuto a disposizione molte risorse per riaprire.

I primi dati, spesso raccolti da ricercatori con figli in età scolare o con un coniuge insegnante, fanno pensare che le scuole possono rimanere aperte anche di fronte a una significativa diffusione del virus all’interno della comunità, se ci sono rigide misure di sicurezza e volontà politica. Molti paesi stanno chiudendo ristoranti, bar e palestre e implorano i loro cittadini di evitare gli eventi sociali per contenere il contagio e poter mantenere aperte le scuole. Ma a volte, questo non è sufficiente: di fronte al numero vertiginoso di casi in ottobre e all’inizio di novembre la Repubblica Ceca, la Russia e l’Austria le hanno richiuse.

“Penso che le scuole dovrebbero essere le ultime a chiudere”, afferma Michael Wagner, un ecologo dei microrganismi presso l’Università di Vienna, che fa parte di un consorzio di atenei impegnati a studiare la prevalenza del virus nelle scuole austriache. Ma avverte che è un pio desiderio pensare che le scuole aperte non possano aumentare la diffusione del virus. La loro chiusura può essere “una delle misure più potenti che abbiamo, ma anche una delle più costose” per gli alunni.

In Austria, le scuole sono rimaste aperte fino al 17 novembre. Ma altri paesi, come la Corea del Sud e l’Australia, ne hanno chiuse molte al primo segnale di aumento dei casi perché le autorità volevano evitare anche la modesta trasmissione che avviene al loro interno. “Il dibattito sull’opportunità o meno di aprire o chiudere le scuole in questo momento è abbastanza polarizzato”, afferma Nisha Thampi, una specialista di malattie infettive pediatriche presso il Children’s hospital dell’Eastern Ontario. “Le persone interpretano i dati in un modo o nell’altro per giustificare un fine o un altro”.

Quanto sono comuni i focolai scolastici?
Genitori e insegnanti sono sempre più preoccupati della silenziosa diffusione del virus nei corridoi e nelle aule. La maggior parte delle scuole ha introdotto misure di sicurezza come l’obbligo delle mascherine e il distanziamento fisico per impedire che scoppi un focolaio se uno studente o qualcuno del personale portasse il covid-19 all’interno dell’edificio. Ma con i casi in aumento in molte comunità, queste misure di contrasto non sono sufficienti. “Siamo sempre sulle spine”, dice Bradford Gioia, preside della Montgomery Bell academy di Nashville, nel Tennessee, una scuola superiore maschile con 800 studenti.

Capire perché scoppia un focolaio può aiutare le scuole a rafforzare le loro misure protettive

Finora, dicono gli scienziati, i focolai scolastici sembrano meno comuni di quanto temuto inizialmente, ma i dati sono scarsi. Alla Duke university, Danny Benjamin e Kanecia Zimmerman, entrambi pediatri ed epidemiologi, stanno collaborando con più di cinquanta distretti scolastici e dipartimenti sanitari locali per studiare il covid-19 nelle scuole. Il loro lavoro consiste nel raccogliere i dati su focolai e singoli casi da un sottoinsieme di sei distretti scolastici – 50mila persone tra studenti e personale – nelle prime nove settimane di scuola in presenza. Nel North Carolina, la diffusione è stata elevata ma il team ha registrato 197 casi di contagi avvenuti fuori della scuola e solo otto di “trasmissione secondaria”, o diffusi da una persona all’altra al suo interno. Questi dati non tengono sicuramente conto dei soggetti asintomatici, ma Benjamin pensa che confermino la correttezza dell’approccio adottato dalle scuole dello stato: classi piccole e mascherine per tutti. Stima, inoltre, che nelle scuole, su diecimila persone, ci saranno da uno a cinque casi di trasmissione secondaria circa ogni due mesi.

Capire perché scoppia un focolaio può aiutare le scuole a rafforzare le loro misure protettive. Secondo i dati di Benjamin, un cluster è stato fatto risalire a un gruppo di insegnanti che sono andati a pranzo insieme in auto senza usare la mascherina. L’uso incostante delle mascherine in una classe di bambini dell’asilo del Tennessee ha provocato un piccolo focolaio. Kelly, il preside della Horace Mann, si è allarmato quando tre insegnanti sono risultati positivi in ​​rapida successione. Ha chiuso le scuole medie e superiori per due settimane. Ma dal tracciamento dei contatti è emerso che i casi non erano correlati e durante la chiusura nessun altro è risultato positivo.

Se ci sono molteplici casi di contagio tra gli studenti, scatta giustamente il timore che il virus si diffonda nella scuola. Ma le vite dei giovani sono intrecciate e il virus ha molte possibilità di infettarli al di fuori delle aule. “I ragazzi vanno a lezione di ballo, allenamenti di calcio, usano lo scuolabus”, dice Gail Carter-Hamilton, un’infermiera del dipartimento di sanità pubblica di Filadelfia che offre assistenza alle scuole locali.

Il sequenziamento del virus potrebbe aiutare le autorità a capire se vari casi in una scuola sono correlati tra loro. Ma questo non si fa quasi mai, dice Trevor Bedford, un esperto di sequenziamento del genoma virale del Fred Hutchinson cancer research center. “È davvero frustrante”, dice.

Molti esperti lamentano il fatto che, sebbene le autorità sanitarie spesso pubblicizzino il basso numero di casi nelle scuole, i contagi non sono sempre registrati e c’è poca trasparenza, in particolare per quanto riguarda le indagini sui focolai. “Mostrateci i dati”, dice Amy Greer, un’epidemiologa dell’Università di Guelph. Riconosce che la protezione della privacy individuale è importante, ma i dati resi anonimi potrebbero ancora essere studiati e condivisi. “Dobbiamo riuscire a capire cosa ci dicono i dati che abbiamo sulla trasmissione scolastica”, dice.

La Montgomery Bell academy offre test sul posto, e alcuni studenti sono stati costretti a restare a casa perché sono risultati positivi, mentre un numero ancora maggiore è stato messo in quarantena perché è stato a stretto contatto con un contagiato. La maggior parte dei casi è stata ricondotta ad attività esterne, sebbene tre dei sei ragazzi che erano stati insieme in un’aula di studio abbiano contratto il virus. Rivelare i dati della diffusione virale in una scuola può essere difficile, ma Gioia si dichiara dalla parte della trasparenza. “La maggior parte delle persone apprezza la sincerità”, dice.

Le scuole aperte cambiano la percezione del rischio?
Sport. Incontri. Feste di compleanno. Prove d’orchestra. Con l’apertura delle scuole, anche le altre attività degli studenti riprendono. E questo preoccupa i ricercatori.

“Le famiglie si aspettano che le scuole decidano cosa si può fare”, afferma Jennifer Lerner, che studia psicologia del giudizio e del processo decisionale all’Università di Harvard. Anche quando le scuole stanno facendo tutto il possibile per mitigare la diffusione del covid-19 all’interno dei loro edifici, la semplice apertura può inviare involontariamente il messaggio che gli assembramenti non siano pericolosi e così fornire maggiori opportunità di incontro.

Considerando come le persone valutano il rischio, Lerner fa riferimento a un articolo fondamentale pubblicato nel 1987 dalla rivista Science, in cui lo psicologo Paul Slovic dell’Università dell’Oregon scriveva che più qualcosa sembra incerto e incontrollabile, più le persone lo ritengono pericoloso. Le attività associate alla scuola sembrano familiari e controllabili e quindi possono apparire meno rischiose, afferma Greer, che da un sondaggio nazionale ha scoperto che il 40 per cento delle famiglie sceglie per i figli almeno un’attività da praticare dopo la scuola, e “alcuni di loro partecipano ad attività extracurricolari cinque giorni alla settimana”.