Il partito degli onesti

Possiamo forse credere alla favoletta edulcorata, che di questi tempi ha una certa fortuna in Italia, secondo cui c’è un potere politico disonesto ed un popolo onesto e civile? Sarebbe bello, ma è completamente falso: la malattia contemporanea non è una malattia della politica, bensì una malattia dell’immaginazione, dell’intelligenza sociale. Nel corso degli anni ’80 il popolo italiano (che espressione schifosa!) è diventato simile ai suoi modelli televisivi. Un popolo di ignoranti arricchiti troppo in fretta, di ignoranti pretenziosi, di volgari arrivisti, di cialtroni e di qualunquisti. Il populismo di cui fa uso il partito degli onesti non farà che rafforzare l’autoritarismo che nasce dall’immaginario sociale, dal bisogno disperato di identità.

Franco Berardi (Bifo), Come si cura il nazi (1993)