Individuo (e società)

Quando un individuo non è più davvero partecipe, quando non avverte più il senso di responsabilità verso la società, la democrazia si svuota di contenuto. Quando la cultura è degradata e regna la volgarità, quando il sistema sociale non costruisce sicurezza ma causa il pericolo, l’individuo viene inesorabilmente incoraggiato a prendere le distanze da una società senz’anima. Questo processo produce alienazione: probabilmente la più pervasiva e insidiosa degenerazione della società contemporanea.
Martin Luther King

Il numero suppone l’addizione delle unità, che suppone un’identificazione degli elementi, che suppone una convinzione: A=1; B=1; A=B
A+B=1+1=2 e non vi è più né A né B.
Dire 2 uomini, è distruggere un individuo e un altro.
Paul Valéry, I principi d’an-archia pura e applicata

La forma ideale di società è quella anarchica, nella quale nessun uomo né gruppo di uomini prevarica l’altro.
James Buchanan

Non esiste una cosa come la società. La vita è un arazzo di uomini e donne, la gente e la bellezza di questo arazzo e la qualità della nostra vita dipendono da quanta responsabilità ognuno di noi è disposto ad assumersi su noi stessi e quanto ognuno di noi è pronto a voltarsi e aiutare con i nostri sforzi coloro che sono sfortunati.
Margaret Thatcher

La questione non è come liberare l’individuo dal potere, ma come liberarci dal potere dell’individuo.
Miguel Benaysag

La società che all’ombra d’un suo crocifisso vuole in perpetuo che tu mentisca e ti lascia finanche morire se non rubi…
Sibilla Aleramo, Il passaggio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: