La logica del cocomero

Analisi delle bozze (clandestine) di riordino dei licei

Si chiamano bozze clandestine. Io l’ho trovate su diesse.org grazie a una soffiata di ReteScuole. Il presidente della repubblica emana un regolamento dei licei e uno dei tecnici con alcuni elementi molto contraddittori. Mi limito ad alcune osservazioni su classico, scientifico, linguistico e liceo cosiddetto delle scienze umane.
0) Secondo Tuttoscuola, rivista filoberlusconiana, le bozze saranno portate al prossimo consiglio dei ministri. Fa parte della strategia di saltare gli ostacoli e scongiurare il probabile rinvio delle novità (per non dover scrivere riforma) a cui corrispondono lo spostamento dei termini per le iscrizioni e certi bisbigliamenti su un acquazzone che sta per sciacquarci di nuovo proprio ora che molti credevano stesse tornando un po’ di sereno (i pareri di Camera e Senato, il salvataggio del tempo pieno ecc.).
1) La filosofia della bozza è il livellamento. La semplificazione dei curricoli, anche se non coincide dappertutto con la riduzione di orario, è dettata solo da esigenze di cassa. La pluralità di indirizzi viene soppressa e sostituita dal liceo unico con una marmellata di insegnamenti facoltativi attivabili, si intende “nei limiti delle proprie disponibilità di bilancio”. Ovvero, del tutto teorici. Sembra a prima vista un livellamento verso l’alto. Obiettivamente al liceo classico, con l’iniezione di una dose massiccia di matematica e scienze, si studia di più, il liceo scientifico assume l’aspetto di un superscientifico, per non parlare del liceo delle scienze umane, che acquisisce lo status di uno scientifico con una forte impronta sociologica. Questa è un’altra prova di quanto la strategia di radere al suolo ciò che rimane della scuola pubblica in Italia si sia perfezionata dalla Moratti a oggi. Dalla velocità con cui sono introdotte le innovazioni, all’installazione di un fantoccio a viale Trastevere, alla mistificazione pura dei regolamenti. La moratti intesa come riforma, ebbene sì, livellava tutti i licei verso il basso, riducendo ore e insegnamenti. Apriva il cocomero con un colpo di accetta. Questi invece lo svuotano senza toccare la buccia e poi ci soffiano dentro per farlo diventare più grande. Con l’assetto dettato da questi quadri i licei diventeranno pressoché inaccessibili per buona parte degli studenti che al momento li frequentano. Basterà per dirottare iscritti ma è pura facciata. La scuola dell’intransigenza, del cinque in condotta, del ti boccio con un’insufficienza in una sola materia è solo una finzione. I professionisti della demolizione lavorano per essenzializzare, mirano al «riassetto della scuola pubblica», a «razionalizzare e semplificare l’esistente», a «rendere pienamente efficienti i servizi scolastici». Lo proclamano in ogni riga del piano programmatico, della legge 133. Sono quelle le linee guida. Qualcuno può illudersi. Può dire: ma sono io che siedo dietro la cattedra, che metto i voti. Siamo noi, collegialmente, a decidere. In tempi di pace, quando la coerenza non ti costava il posto. Secondo: sta lì bello spianato in commissione cultura lo strumento che renderà possibile ungere tutti i meccanismi. Si chiama ddl Aprea.
2) Non esistono più biennio e triennio, ma due bienni e un cosiddetto V anno. La revisione dei quadri-orario, in particolare il fatto che alcune materie siano spalmate su più anni, sembra preparare l’eventualità di eliminare il V anno, peraltro destinato alla «maturazione di competenze mediante l’approfondimento delle conoscenze e il perfezionamento delle abilità caratterizzanti il profilo educativo, culturale e professionale del corso di studi». Particolare curioso: «nel quinto anno è previsto l’insegnamento, in lingua inglese, di una disciplina non linguistica compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili ecc.». Che fiction danno stasera in televisione?
3) I quadri orario di tutti i licei sono ricondotti a 30 ore. Tutti a scuola per cinque ore al giorno dal lunedì al sabato, o per sei dal lunedì al venerdì. Non vedo il risparmio, al contrario. Specialmente se poi le scuole attivano gli «insegnamenti attivabili sulla base del pof».
4) Finite tutte le sperimentazioni. Un corso unico per il classico, un corso unico per lo scientifico e così via. Il linguistico e il sociopsicopedagogico cessano la loro natura ibrida di licei Brocca e diventano dei veri licei. Spariscono del tutto il Brocca classico e il bilinguismo. Il risparmio è direttamente proporzionale al danno. Faccio un esempio. In un liceo scientifico oggi vengono attivate almeno tre tipologie di corsi: tradizionale, pni e bilinguismo. Io ho 300 iscritti per il prossimo anno: 160 hanno chiesto il tradizionale, 95 il pni e 45 il bilinguismo. Di conseguenza attivo 6 sezioni con 27 alunni nel tradizionale, 4 sezioni con 24 alunni nel pni e 2 sezioni di bilinguismo con 22 alunni. Sono 12 sezioni, laddove con un unico corso sarebbero state 10 con 30 alunni. Non solo: diventa estremamente facile, con un corso unico per tutta la scuola, accorpare classi intermedie. Diventa teoricamente possibile ogni anno ridisegnare le classi di un istituto. Il gruppo-classe diventa un’utopia.
5) Il liceo classico unico riassorbe tutte le minisperimentazioni. Si fanno inglese e storia dell’arte per cinque anni. Le ore di inglese sono diminuite nel biennio ma aumentano nel complesso dalle attuali 8 a 12. Nessun cambiamento per le materie umanistiche. La matematica conosce un vero e proprio boom (da 11 a 15 ore). Scienze viene spalmata su tutti e cinque gli anni.
6) Nel liceo scientifico unico è ridimensionata la cattedra di Lettere, anche se non nella misura prevista dalla prima bozza. E con un regalo non richiesto, e forse neppure gradito: la geografia estesa al secondo anno. Non si parla più dell’opzione tra latino e seconda lingua. Più che di cancellazione del pni si dovrebbe parlare di cancellazione del tradizionale dal momento che le ore di matematica sono quelle del pni e la fisica è spalmata sui cinque anni. Aumentano le ore di scienze (da 10 a 15), diminuiscono quelle di inglese (da 17 a 15).
7) Nel liceo linguistico si studia la terza lingua dal primo anno, mentre si smette di studiare il latino dal terzo (diventa materia opzionale). Le ore di Lettere sono dimezzate.
8) Il liceo delle Scienze Umane è una sintesi tra il liceo sociopsicopedagogico e il liceo delle scienze sociali in quanto ripropone sia il latino (con l’orario dello scientifico) che la seconda lingua straniera. Sono ridimensionate le materie di indirizzo, ricondotte a un unico insegnamento generico di Scienze umane nel triennio.
(10 dicembre 2008)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...