Ricchi (e poveri)

La principale preoccupazione dei senzatetto dovrebbe essere che i ricchi vivano felicemente nelle loro ville.
Noam Chomsky, Contenere la minaccia della democrazia

I poveri del mondo e i poveri locali svolgono il loro oscuro lavoro, minare la fiducia e la risolutezza di tutti coloro che hanno ancora un lavoro e un reddito regolare […]. La vita dei miserabili serve a ricordare a tutte le persone di buon senso e ragionevoli che anche la vita agiata è insicura, e che il successo di oggi non è una garanzia contro la rovina di domani.
Zygmunt Bauman, La solitudine del cittadino globale (1999)

Le nazioni povere sono quelle dove il popolo è agiato; e le nazioni ricche sono quelle dove egli è ordinariamente povero.
Antoine-Louis-Claude Destutt de Tracy, citato da Marx nel Capitale

La povertà non coincide con una ridotta quantità di beni e non è solo un rapporto tra mezzi e mezzi: è prima di tutto un rapporto interpersonale. La povertà è uno status sociale e in quanto tale un’invenzione della civiltà. Si è sviluppata con la civiltà, a un tempo come odiosa distinzione tra le classi e, cosa più importante, come rapporto di dominio.
Marshall Sahlins, L’originaria società opulenta, in L’economia dell’età della pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: