Lasciamoli lavorare (16)

Apro una finestra per dire che «Lasciamoli lavorare» si è un po’ inaridito perché il governo, per la scuola, in queste ultime settimane, sta facendo molto poco. E ne parla il meno possibile. Ma sta pensando molto. La regionalizzazione dell’istruzione è nell’agenda. Siamo già scesi in piazza. Così, per dire che abbiamo iniziato a mobilitarci. Un’altra pensata è la riforma degli organi collegiali. Bussetti ha promesso una semplificazione del Testo Unico, per esempio con l’ingresso in consiglio di istituto di un membro della società civile. La quadriennalizzazione dei licei, avverte Lucio Ficara, procede spedita. E aggiunge: «Siamo oltre la Legge 107/2015, si sta pensando anche a introdurre verifiche psico-attitudinali per i docenti, ad incentivare il bonus del merito dando alle famiglie l’opportunità di scegliere quali sono i docenti meritevoli». In compenso avremo tanta sicurezza. E la certezza che quello che c’è scritto sui libri di storia risponde a verità.

CARLO LUCARELLI Cucina

[da «Il lato sinistro del cuore»]

Don Pasquale disse: — Ma chi l’ha avuta questa bella pensata? — E tutti guardammo Mimì.
L’incarico di costruire un covo sotterraneo per quando fossero arrivati i carabinieri l’avevano dato a lui, e lui l’aveva fatto. E, tecnicamente, l’aveva fatto anche bene. Brandine, frigo bar, televisore, bagno, perfino la doccia. La botola d’entrata perfettamente nascosta tra le assi del pavimento, impossibile da individuare. I carabinieri avrebbero potuto perquisire tutta la casa e tenerla sotto controllo per un mese intero, che non ci avrebbero mai trovati. L’unico problema era la stanza che Mimì aveva scelto per metterci sotto il covo Continua a leggere “CARLO LUCARELLI Cucina”