ALAIN GOUSSOT La nuova fabbrica di servitù

[Comune-info, 13 febbraio 2016]

Negli ultimi ventitré anni, dalla riforma Berlinguer che fu l’anticamera del processo di smantellamento della scuola democratica, si è assistito a una formazione sempre più segmentata, orientata all’acquisizione di abilità tecniche, di competenze funzionali alle esigenze dell’impresa e dell’economia finanziaria. Il passaggio dalla scuola delle conoscenze a quella delle competenze ha significato meno conoscenze trasversali e sapere e più abilità tecnicistiche settoriali.
Purtroppo questo è avvenuto perché si è arresa la pedagogia come scienza dello sviluppo umano globale e degli apprendimenti, la pedagogia come filosofia dell’educazione che mira a formare l’uomo e il cittadino consapevole, critico, in grado di pensare con la propria testa e di collegare il particolare con il globale. Continua a leggere “ALAIN GOUSSOT La nuova fabbrica di servitù”

Ebreo

Il 30 Marzo 1933, il ministro della Propaganda in Germania, Joseph Goebbels, mi convocò nel suo ufficio […] e mi propose di diventare una sorta di “Fuhrer” del cinema tedesco. Io allora gli dissi: «Signor Goebbels, forse lei non ne è a conoscenza, ma debbo confessarle che io sono di origini ebraiche» e lui: «Non faccia l’ingenuo signor Lang, siamo noi a decidere chi è ebreo e chi no!». Fuggii da Berlino quella notte stessa.

(dal documentario Jorge Dana, Fritz Lang, il cerchio del destino, 2000)

ANNA CURCIO E se portassimo l’amaca nel cortile di una scuola?

[Commonware, 24 aprile 2018.

Appunti di inchiesta su scuola, studenti e lavoro

Dire, da una posizione classicamente perbenista di sinistra, che il comportamento dello studente di Lucca sia da ricondurre a una questione di mala educación in capo a proletari o ceti popolari, non è soltanto classismo, vuol dire non avere la benché minima idea dei processi di trasformazione della scuola, del lavoro e della composizione sociale. La scuola, invece, ha proprio l’involontario vantaggio di essere un efficacissimo punto di osservazione dei cambiamenti che interessano i giovani, le famiglie, i comportamenti. Continua a leggere “ANNA CURCIO E se portassimo l’amaca nel cortile di una scuola?”

MARTA FANA L’alternanza scuola lavoro inasprisce le disuguaglianze

Leggo che il neo ministro dell’istruzione ha dichiarato che l’alternanza scuola-lavoro va mantenuta perché fa bene al paese. Forse dovremmo dire che fa bene a mantenere alta la pressione sociale indotta dalla disoccupazione perché per ogni posto di lavoro sostituito da uno studente-lavoratore, obbligato a lavorare senza retribuzione, è un posto di lavoro sottratto a un lavoratore.

È un istituto che dequalifica più che qualificare proprio perché avalla un sistema di continua rotazione dei lavoratori e quindi la possibilità per le imprese di non investire in formazione continua con lavoratori più stabili. Continua a leggere “MARTA FANA L’alternanza scuola lavoro inasprisce le disuguaglianze”

CATTIVE MAESTRE Zero in condotta. Il licenziamento di Lavinia Cassaro: un pericoloso precedente

[Cattive Maestre, 25 giugno 2018]

Qualche settimana fa l’Ufficio Scolastico Regionale (USR) del Piemonte ha notificato una lettera di licenziamento a Lavinia Cassaro, l’insegnante torinese che lo scorso 22 febbraio fu oggetto di pesanti polemiche sui social e sui principali organi di stampa, poiché fuori dall’orario di servizio aveva inveito contro le Forze dell’Ordine nel corso di una manifestazione antifascista.
La polemica si concentrò morbosamente sul contenuto e lo stile dell’eloquio della docente, trascurando il contesto in cui esso si era prodotto. Il suo comportamento fu ritenuto inaccettabile, indecoroso, immorale, sguaiato, inadatto a una donna che per giunta esercita il mestiere dell’insegnante. Continua a leggere “CATTIVE MAESTRE Zero in condotta. Il licenziamento di Lavinia Cassaro: un pericoloso precedente”

Biologia

Eccoci tra quelli che chiameremo gli spiritualisti assoluti. Costoro fanno le viste di non disdegnare del tutto le dottrine biologiche; ma, dopo averle fuggevolmente adocchiate, le gettano in disparte e si danno agli studi sull’anima e sullo spirito. Sono i buongustai del razzismo, i piatti comuni li disgustano. Vogliono manicaretti di secondo e di terzo grado. Ma questo non è tempo di manicaretti. Il razzismo ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia, e sia viva in tutti, la coscienza della razza. Il razzismo nostro deve essere quello del sangue, che scorre nelle mie vene, che io sento rifluire in me, e posso vedere, analizzare e confrontare col sangue degli altri. Continua a leggere “Biologia”