RINO GAETANO Sei ottavi

Mentre la notte scendeva stellata stellata
Lei affusolata nel buio sognava incantata
E chi mi prende la mano stanotte mio Dio?
Forse un ragazzo, il mio uomo o forse io

Lontana la quiete e montagne imbiancate di neve
E il vento che soffia, che fischia, più forte, più greve
E chi mi sfiora le labbra, chi mi consola?
Forse un bambino già grande o io da sola

Passava la notte, passavano in fretta le ore
La camera fredda già si scaldava d’amore
Chi troverà i miei seni avrà in premio il mio cuore
Chi incontrerà i miei semi avrà tutto il mio amore

La luce discreta spiava e le ombre inventava
Mentre sul mare una luna dipinta danzava
Chi coglierà il mio fiore bagnato di brina
Un principe azzurro o forse io adulta io bambina

Mentre la notte scendeva stellata stellata
Lei affusolata nel buio dormiva incantata
Chi mi dirà buonanotte stanotte mio Dio?
La notte, le stelle, la luna o forse io.