Dunque Veltroni, meglio quando sta zitto

Dunque Veltroni, meglio quando sta zitto. Dal 1° settembre al giorno di Natale nessun intervento del segretario del pd ha inciso in qualsiasi modo sull’opera del signor Giulio e della signora Margherita. Poteva, questa è un’altra storia. Vale la pena ricordare. Che il pd non ha un programma sulla scuola. In campagna elettorale aveva un programmino mingherlino che faceva ridere i polli articolato in tre punti: test per insegnanti e alunni e palestre nuove. E dopo l’ha messo via. E ha adottato la politica di valutare caso per caso quello che propone il governo e dire: questo sì può fare questo non si può fare. È molto più comodo. Si può fare quasi tutto, peraltro. Nessuna difesa della scuola, tanto meno pubblica, delle risorse. Tuttavia, al momento giusto, nel posto giusto, il pd c’è sempre. Dice quello che i suoi elettori si aspettano che dica un partito che si definisce democratico nell’era dei Berlusconi. Cioè quasi niente. E molto di più evita di dire. Continua a leggere “Dunque Veltroni, meglio quando sta zitto”

La logica del cocomero

Analisi delle bozze (clandestine) di riordino dei licei

Si chiamano bozze clandestine. Io l’ho trovate su diesse.org grazie a una soffiata di ReteScuole. Il presidente della repubblica emana un regolamento dei licei e uno dei tecnici con alcuni elementi molto contraddittori. Mi limito ad alcune osservazioni su classico, scientifico, linguistico e liceo cosiddetto delle scienze umane.
0) Secondo Tuttoscuola, rivista filoberlusconiana, le bozze saranno portate al prossimo consiglio dei ministri. Fa parte della strategia di saltare gli ostacoli e scongiurare il probabile rinvio delle novità (per non dover scrivere riforma) a cui corrispondono lo spostamento dei termini per le iscrizioni e certi bisbigliamenti su un acquazzone che sta per sciacquarci di nuovo proprio ora che molti credevano stesse tornando un po’ di sereno (i pareri di Camera e Senato, il salvataggio del tempo pieno ecc.). Continua a leggere “La logica del cocomero”

…anziché cercare lavoro altrove? (nel turismo)

prologo
MSG al Sole-24 Ore «Sono disposta ad avere un po’ di insegnanti in meno, ma più preparati e meglio pagati. In concreto, credo che in questo Paese, soprattutto per quanto riguarda la competenza di tipo umanistico, artistica e storica, ci sia anche la possibilità di creare nuove figure professionali. Non dico che dobbiamo lasciare la gente a casa, ma distribuiamo le risorse dove servono. Mi piacerebbe parlarne col sottosegretario al Turismo perché una parte di queste persone potrebbe avere un’opportunità di lavoro in un contesto di rilancio del sistema Paese».  Continua a leggere “…anziché cercare lavoro altrove? (nel turismo)”

Salto nel buio (con un contributo di LIVIA TESTA)

I

Spero che non dovrò annotare quanto segue in una rubrichetta dal titolo ipse dixerat ovvero le ultime parole famose. Il giorno è il 13 marzo corrente anno. La trasmissione è Otto e mezzo. Il personaggio che parla è Fioroni, ministro della pubblica istruzione. Incalzato dalla solita solfa degli esuberanti insegnanti malpagati – malpagati perché esuberanti, risponde con un discorso imparaticcio ma efficace: il problema è che nella scuola si risparmiano risorse fin dal 1990, la scuola è il comparto che da vent’anni
succhia di meno. Tagliare gli insegnanti non è la soluzione perché è vero che in Italia sono tanti, sì, ma sono tanti perché permettono l’integrazione del disabile e la sopravvivenza delle scuole di montagna.

Il copione si è ripetuto due ore dopo nel rinomato salotto di Bruno Vespa. Quello che piace tanto al Fausto Bertinotti presidenziale. E che non schifano neppure i Pecorario Scanio e i Diliberto. Continua a leggere “Salto nel buio (con un contributo di LIVIA TESTA)”

COSIMO SCARINZI Dodici tesi sul finanziamento pubblico alla scuola privata

1
L’attuale scontro politico fra fautori del finanziamento pubblico alla scuola privata e difensori della scuola della repubblica ha, come sovente accade, il carattere di una battaglia ideologica che rischia di eludere o, peggio, di nascondere volutamente i termini reali della questione di cui si tratta. Nella realtà, i difensori della scuola privata, che si vorrebbero avversari del monopolio statale della formazione e fautori della libertà di educazione, sono decisi assertori di una forma particolare e subdola di statalismo mentre i “difensori della scuola pubblica” sono, sin troppo spesso, i difensori di una scuola aziendalizzata nei fatti e, comunque, burocratica e gerarchica e, quindi, tutto tranne che pubblica nel senso proprio del termine. Continua a leggere “COSIMO SCARINZI Dodici tesi sul finanziamento pubblico alla scuola privata”

Il lungo autunno dei precari (romani)

Riflessioni in margine al primo giorno di scuola nel Lazio

C’è scritto autunno e non estate: il lungo autunno dei precari – romani e non so quali altri – che sta per cominciare, insieme alle nuove serie televisive e agli addobbi natalizi. Ma non è un divertissement. E nemmeno un palliativo. Intanto l’estate è finita, e questo è un fatto.

E l’estate è stata quante altre mai fastidiosa. Qualcuno prima o poi dovrà mettere mano alle carte del CSA di Roma, alla montagna di reclami che i molti supplenti hanno inoltrato durante il bel mezzo del mese di agosto. Dia un’occhiata alle date, se può anche al luogo da cui sono stati faxati. Ah, i precari vanno in villeggiatura? Buono a sapersi.

Comunque va tutto bene. Continua a leggere “Il lungo autunno dei precari (romani)”

Il dramma dei precari blue

Il primo stupido sono io. Pretendevo di farmi l’iscrizione elettronica, alla posta. Ho scaricato i moduli on line, ho ricevuto il telegramma, ho immesso i codici. Poi qualcosa, da qualche parte, è andato storto. La stampante inceppata sul blu (“deve essere blu” gracchiava la signora allo sportello. Mi sembra di sentirla: “Se l’originale è blu, deve essere blu”), la chiave incastrata nella toppa, i cd sputacchiati uno dopo l’altro dal masterizzatore, i codici che non corrispondevano, neppure dopo, quando, finalmente ispirata, la stampante mi ha partorito tre paginette di un blu pallido pallido. Ma gli uffici intanto erano chiusi. Un segno, chiaramente. Continua a leggere “Il dramma dei precari blue”