Sesso

Il sesso è una cosa che non capisco proprio. Giuro su Dio che non lo capisco.
Holden Caulfield, da J. D Salinger, Il giovane Holden

«Tesoro, c’è chi è appassionato di tennis oppure colleziona francobolli e monete. A me, cosa vuoi che ti dica, piace il sesso. lo ho bisogno della sensazione di possedere corpi femminili. Centinaia, migliaia, quelli che posso guadagnarmi finché mi durano le forze. Questo è uno sport per cui sono molto portato, capisci? Non ha niente a che fare con il nostro rapporto, che è semplicemente meraviglioso. Io ti amo da morire. Sei la mia Nerea, la only one. Su questo non devi avere il minimo dubbio. Invece le fornitrici di orgasmi con cui vado a letto senza sapere dove abitano o come si chiamano, dal punto di vista dei sentimenti non significano niente per me. Ripeto: niente. Sono uno strumento di piacere. Punto. Vedi che non ho segreti, Tu non vai a fare ginnastica? Be’, io faccio la stessa cosa, solo che invece di salire su un tapis roulant, faccio esercizio con un corpo attraente. Mi spiacerebbe davvero se no mi accettassi per quello che sono».

Da Fernando Aramburu, Patria

DARIO BELLEZZA Roma

[a Giorgio Montefoschi]

Roma — o altissimo sparire di una città di pietra
quando le sue immagini liete non confortano
l’Inesistenza futura! Così invano si passa
lo sguardo su canterine foto di un giubilo antico,
su ardenti foto di repertorio Anni Cinquanta.
Non c’è più la città, la spaurita città
della sparita giovinezza: vecchie austere guardano
il mondo indifferente; puttane illustri si vendono
sotto il ponte di Testaccio; inamabili vecchie
rotte ad ogni incanto. O incontro, o magia
o incantamento, prima dell’avvento finale
fra Terzo Mondo e Traffico Sconvolto, prima
del canto terminale di una gioia virtuosa e teologale.

Continua a leggere “DARIO BELLEZZA Roma”

GIOVANNI PAPINI Amiamo la guerra ed assaporiamola da buongustai

Da «Lacerba», ottobre 1914

1. Finalmente è arrivato il giorno dell’ira dopo i lunghi crepuscoli della paura. Finalmente stanno pagando la decima dell’anime per la ripulitura della terra. Ci voleva, alla fine, un caldo bagno di sangue nero dopo tanti umidicci e tiepidumi di latte materno e di lacrime fraterne. Ci voleva una bella innaffiatura di sangue per l’arsura dell’agosto; e una rossa svinatura per le vendemmie di settembre; e una muraglia di svampate per i freschi di settembre. È finita la siesta della vigliaccheria, della diplomazia, dell’ipocrisia e della pacioseria. I fratelli son sempre buoni ad ammazzare i fratelli: i civili son pronti a tornar selvaggi; gli uomini non rinnegano le madri belve.

Continua a leggere “GIOVANNI PAPINI Amiamo la guerra ed assaporiamola da buongustai”

CAPAREZZA La scelta

Da grande suonerò la Pastorale
Ora sul piano resto curvo come un pastorale
Mio padre è d’umore un po’ grigio, mi vuole prodigio
Ma sono solo un bambino e c’è rimasto male
Padre lascia stare l’alcool, ti rovini
Sei severo quando faccio tirocini
Io sono romantico ma pure tu
Mi vedi solo come un mazzo di fiorini
Sono Ludo, vico, culto, mito
Donne mi scansano come avessi avuto il tifo
Troppi affanni, a trent’anni ho perduto udito
Tu mi parli e mi pari un fottuto mimo
Se la mettiamo su questo piano la mia vita ha senso
se la mettiamo su questo piano
Quindi prendo lo sgabellino e lascio la corda
Canto l’«Inno alla gioia»
Perché vedo l’abisso ma su questo, plano

Continua a leggere “CAPAREZZA La scelta”

Stakeholders

Un po’ di tempo fa, per esempio, mi hanno invitato a Parma a un incontro dove c’erano una decina di persone che dovevano scegliere delle parole che non sopportavano, e c’era anche i lsegretario del comune di Parma per il quale una di queste parole era stakeholders.
Adesso io, stakeholders, allora, non l’avevo mai sentita, non sapevo cosa volesse dire e gliel’ho chiesto e lui me l’ha apiegato ma io non ho mica capito tanto bene, e ancora adesso, questa parola stakeholders, non so, se mi chiedessero se voi, che leggete questo libro, siete degli stakeholders, io non sapei rispondere, siete degli stakeholders?
A me non sembrate degli stakeholders, ma questo non significa niente, perché non è mai successo di essere, non so, in treno, o in autobus, o in bicicletta, e di vedere un gruppo di persone e di pensare «Ve’, degli stakeholders».

Paolo Nori, Sanguina ancora

EUGENIO MONTALE Non chiederci la parola

[Da «Ossi di seppia»]

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.

Ah l’uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l’ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

FERNANDO ARAMBURU «Non assassiniamo, giustiziamo»

Da «Patria», Guanda, Milano 2020, pp. 274-6

La verità: a Joxe Mari, sul sedile accanto all’autista, il cuore batteva forte. Già lungo la strada aveva fatto finta di appoggiare le mani sulle ginocchia. Invece no. Si teneva le gambe per controllare il tremore. Oggi sa che c’è un prima e un dopo della prima vittima uccisa, anche se queste cose, pensa, dipendono da come si è fatti. Perché, è chiaro, fai esplodere con una bomba un ripetitore televisivo, faccio un esempio, o la succursale di una banca, e sì, provochi dei danni, ma sono sempre cose che si possono riparare. Una vita, no. Ora ci pensa con freddezza. Allora lo preoccupava un’altra cosa. Cosa? Be’, che i nervi gli giocassero un brutto tiro. Temeva di mostrarsi debole, insicuro, alla presenza dei compagni, o che l’ekintza fallisse per colpa sua.

Continua a leggere “FERNANDO ARAMBURU «Non assassiniamo, giustiziamo»”

FRANCO BATTIATO Centro di gravità permanente

Da «La voce del padrone» (1981)

Una vecchia bretone
con un cappello e un ombrello di carta di riso e canna di bambù.
Capitani coraggiosi furbi contrabbandieri macedoni.
Gesuiti euclidei vestiti come dei bonzi per entrare a corte degli imperatori
della dinastia dei Ming.

Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
avrei bisogno di
Cerco un centro di gravità permanente
che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente
over and over again

Continua a leggere “FRANCO BATTIATO Centro di gravità permanente”