SALVATORE SETTIS Salviamo il latino, la lingua più parlata del mondo

[da «la Repubblica», 10 agosto 2016]

Senza contare le numerose lingue minori (come il ladino). Poco meno dei “parlanti cinese”, che però si suddividono anch’essi in numerose lingue diverse, non sempre mutuamente intellegibili se parlate, ma unificate concettualmente da una scrittura ideografica che non rispecchia direttamente la pronuncia. E il latino ha una presenza capillare anche fuori dell’ambito propriamente romanzo: in inglese (terza lingua materna più parlata al mondo, con 350 milioni) il 58% del lessico deriva dal latino o da lingue neolatine, specialmente francese. Lo stesso è vero di tutte le lingue europee, dal tedesco al russo: forse nessuna lingua più del latino ha mostrato forza di penetrazione e tendenza a radicarsi in sistemi linguistici di altra origine. Continua a leggere “SALVATORE SETTIS Salviamo il latino, la lingua più parlata del mondo”

Le domande per il compito di storia

[La solitudine del satiro, 20 marzo 2012]

1) Che fine ha fatto Vercingetorige?
2) Con chi aveva fatto i buffi Cesare?
3) Dove si incontrano Cesare Crasso e Pompeo per firmare il primo triumvirato?
4) Cosa fanno dopo
5) Traduci la seguente frase: «veni vidi vici» (un punto per ogni errore)
6) Che numero è uscito ai dadi quando Cesare dice alea iacta est?
7) In che piazza di Roma rimane la curia dove Cesare è stato pugnalato?
8) Di che squadra era Cesare, della Roma o della Lazio? Continua a leggere “Le domande per il compito di storia”

LUCIA OLINI – CRISTINA NESI Le tipologie A e B all’esame di stato

[La scuola e noi, 27 gennaio 2020]

Sintesi degli interventi di Lucia Olini e Cristina Nesi alla Fiera Didacta Italia (Firenze, 9 ottobre 2019; panel ADI SD «La prima prova nel contesto del nuovo esame di Stato MIUR»)

LUCIA OLINI – Riflessioni a margine della tipologia A

Oggi siamo inondati dalla scrittura, ma le nuove tecnologie, usate compulsivamente, potrebbero deformarne la funzione, esaltando la velocità di esecuzione a scapito della complessità della riflessione.

Affrontare il problema dell’apprendimento della scrittura oggi, alla ricerca di tecniche efficaci per favorire buone pratiche, implica perciò ripensare la lettura e rivalutare l’approccio cognitivista che fa della scrittura un’attività di produzione di senso. Continua a leggere “LUCIA OLINI – CRISTINA NESI Le tipologie A e B all’esame di stato”

Folla

I lettori dei giornali, gli auditori dei programmi radiofonici, i membri di un partito, anche se non fisicamente riuniti in gruppo, tendono a divenire, dal punto di vista psicologico, una folla, a cadere in uno stato di eccitazione in cui ogni tentativo di ragionamento logico ha il solo effetto di stimolare impulsi bestiali.

Joseph Alois Schumpeter, Capitalismo, socialismo e democrazia

ANGELO MINCUZZI Disuguaglianze, in 26 posseggono le ricchezze di 3,8 miliardi di persone

[Il sole-24 ore, 21 gennaio 2019]

A dieci anni dall’inizio della crisi finanziaria i miliardari sono più ricchi che mai e la ricchezza è sempre più concentrata in poche mani. L’anno scorso soltanto 26 individui possedevano la ricchezza di 3,8 miliardi di persone, la metà più povera della popolazione mondiale. Nel 2017 queste fortune erano concentrate nelle mani di 46 individui e nel 2016 nelle tasche di 61 miliardari. Il trend è netto e sembra inarrestabile. Una situazione che tocca soltanto i paesi in via di sviluppo? No, perché anche in Italia la tendenza all’aumento della concentrazione delle ricchezze è chiara.
GUARDA IL VIDEO. Davos: ecco i rischi del 2019

A metà 2018 il 20% più ricco tra gli italiani possedeva circa il 72% dell’intera ricchezza nazionale. Continua a leggere “ANGELO MINCUZZI Disuguaglianze, in 26 posseggono le ricchezze di 3,8 miliardi di persone”

Autosuggestione

[La solitudine del satiro, 25 novembre 2011]

Assemblea straordinaria in aula magna con studenti e prof circa 300 presenti più un numero imprecisato di spettatori sul balcone del secondo piano.

Come da circolare ogni volta che c’è un’assemblea si fa presente che qualora lo studente chieda di utilizzare la magna aula essa non può contenere al più di 120 studenti. E qualcuno è seduto sul parapetto con vista lungotevere.

Proteste e proposte.

Una prof va e chiede qual è il motivo alla base di un’eventuale occupazione. Non avrà alcuna risposta. Continua a leggere “Autosuggestione”