Roma (e i Romani)

Le inadempienze del potere politico e dell’amministrazione pubblica sono di tale portata e profondità che in altre città causerebbero una sollevazione popolare, a Roma no, perché i romani non si aspettano né pretendono quasi nulla dagli amministratori che li governano, i quali a loro volta non si aspettano nulla dai cittadini. Un esempio: quando nevica (accade ogni vent’anni) è sorprendente notare come nessuno muova un dito e assista al bianco miracolo prima con stupore, poi con gioia, poi con noia, e infine con rancore (l’intero trascolorare di sentimenti nell’arco di otto o dodici ore, al massimo una giornata), quando disagi e incidenti mettono in ginocchio la città. Non vedi nessuno, ma proprio nessuno che spali la neve, almeno davanti alle case o per garantire un minimo di percorribilità delle strade: i cittadini aspettano passivamente che ci pensino le autorità, le autorità pretendono, con piglio arrogante, che lo facciano i cittadini.
Edoardo Albinati, La scuola cattolica

Singolare destino di Roma, questo, che meno la si conosce direttamente e a fondo, meglio la si interpreta, mentre chi vive qui, nella stragrande maggioranza dei casi, non coglie mai nulla davvero.
Emanuele Trevi, Senza verso

Roma? Non era più la sua città, era diventata l’ombra deforme di un corpo senza proporzioni.
Antonio Manzini, Rien ne va plus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: