Porta

Dessora a ona portascia che someja
a quella gran sgavasgia de dragon
che metten foeura al convitaa de preja,
gh’ era scritt sti paroll cont el carbon:
Porta che mena all’eterna boreja,
al paes di rottœuri e di magon:
gent che passee no lusinghev on corna
de trovagh el calessi de ritorna.

S’ciavo sur mascher! chì ghe va ghe resta:
son staa faa per castigh de la malizia
di angior che han creduu de alzà la cresta
E de quij che con lor strengen missizia.
Dio el m’ha faa per vess eterna, e questa
l’è la sentenza de la soa giustizia,
e a quij ch’è denter poeù ghe la perdonna
Se la ciamen giustizia bozzaronna.

Carlo Porta, traduzione dall’«Inferno» di Dante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: