Veterinario

Alla fine il veterinario arrivò. E non era come Jacob se l’era immaginato o come aveva sperato che fosse: un goy anziano e affabile, una specie di nonno. Tanto per cominciare, era una donna. Nell’esperienza di Jacob, i veterinari erano come i piloti di aerei: virtualmente tutti maschi, grigi (o con un principio di grigio) e tranqullizzanti. La dottoressa Schelling aveva l’aria di una troppo giovane per offrirgli da bere – e comunque non si sarebbe mai presentata la situazione giusta -, era tonica, soda e indossava un camice che sembrava fatto su misura.

Jonathan Safran Foer, Eccomi

Progetto

Sono anni ormai che questa parola, progetto, mi rimanda immediatamente a un’idea di inconcludenza. Una persona che ha un progetto, è una persona di solito che non ha mai fatto niente nella sua vita e io all’epoca, appunto, avevo un progetto. Il mio progetto era l’ampliamento della trilogia La morte dell’arte a una novantanovologia.

Paolo Nori, Pancetta

Dematerializzazione

Crolla un soffitto in un liceo (famoso) del centro di Roma. E quindi fa un po’ di rumore. Nonostante la propaganda sulle #scuolebelle e sulle #scuolesicure ci abbia fatto credere tutta un’altra cosa. Ci sono dei precedenti? Ma la colpa è di chi c’era prima. Ma prima prima, Berlusconi, il malgoverno democristiano, baffino. Forse è un complotto contro Renzi. Forse addirittura ha stata la Raggi. Evitiamo di dire che “Quest’anno (nell’ultima legge di bilancio del governo Renzi, ndr)  le province, che hanno la competenza dell’edilizia scolastica, hanno subito 3 miliardi di tagli”.

Ma nessuno si è fatto male, rassicurano, è la dematerializzazione, bellezze!

ROBERTO CALOGIURI Registro elettronico. Bellezza e tristezza della scuola digitale

[Ilfriuliveneziagiulia, 20 novembre 2016]

Chi ha visto Wargames, correva l’anno 1983, ricorderà che Matthew Broderick entrava nel supercomputer del sistema di difesa aerospaziale del Nord America rischiando di scatenare la guerra termonucleare globale totale! Ma prima si era fatto le ossa violando il registro elettronico della sua scuola. Ovviamente per capovolgere i giudizi negativi dei suoi insegnanti.

Trent’anni dopo (è circa questo il ritardo tecnologico dell’Italia rispetto gli USA) accade anche in Italia, per la soddisfazione dei giovani hacker nostrani. Continua a leggere “ROBERTO CALOGIURI Registro elettronico. Bellezza e tristezza della scuola digitale”

Amici

Una delle funzioni principali di un amico consiste nel subire (in una forma più dolce e simbolica) i castighi che desidereremmo infliggere, ma non possiamo, ai nostri nemici.
Aldous Huxley

Miei amici sono anche coloro che non mi abbandonano nelle ore oscure, nei giorni di sconforto; che ritrovo al mio fianco allorché l’ombra si stende sopra la mia strada, anche quando mi sono ingannato, anche quando ho torto, il che non significa del resto che essi rinuncino a criticarmi. Tutti coloro che professano idee simili o equivalenti alle mie, sono miei compagni, non già necessariamente miei amici.
Émile Armand, Iniziazione individualista anarchica (1956) Continua a leggere “Amici”

Telefono

Ogni tuo contatto ha un trillo diverso? Carino. Ora però fatti una vita.
Le regole di Internazionale

Si innervosivano perché non avevano ancora ottenuto il telefono di cui avevano fatto richiesta da più di un anno. Gli altri lo trovavano inutile e per fare una telefonata continuavano ad andare alla posta, dove l’addetto componeva il numero per loro e li invitava a sistemarsi in un’apposita cabina.

Quando di fianco a noi si alzava la voce di uno sconosciuto che rispondeva a una chiamata, ci infastidiva essere schiavi di qualcuno che considerava nulla la nostra esistenza Continua a leggere “Telefono”

GIOVANNI ANSALDI Sviluppo insostenibile

«Internazionale», 14 settembre 2017

“Mentre a Houston le acque portate dall’uragano Harvey si ritirano, una cosa è chiara: una parte dei danni – umani ed economici – poteva essere evitata”, scrive il New York Times. Uno dei problemi principali è lo sviluppo urbanistico. Negli ultimi trent’anni il boom dell’industria petrolifera ha causato una forte crescita immobiliare: a Houston sono nati nuovi quartieri residenziali e di uffici in zone a forte rischio di inondazioni. In tutta la città sono stati costruiti parcheggi, strade ed edifici che hanno cancellato la vegetazione fondamentale per facilitare il drenaggio. A questo si aggiunge il fatto che le mappe della federal emergency management agency (Fema, l’agenzia statunitense che si occupa di gestire e prevenire le emergenze), create per evidenziare le zone a rischio in caso di catastrofe, non sono mai state aggiornate. Continua a leggere “GIOVANNI ANSALDI Sviluppo insostenibile”