Leggi

Ma che sono le leggi se non, esse stesse, correnti di pensiero? Se non fossero questo, non sarebbero che carta morta: se lo lascio andare, questo libro dei codici che ho in mano, cade sul banco come un peso inerte.
E invece le leggi son vive perché dentro queste formule bisogna far circolare il pensiero tempo, lasciarvi entrare l’aria che respiriamo, mettervi dentro i nostri propositi, le nostre speranze, il nostro sangue e il nostro pianto.
Piero Calamandrei, In difesa di Danilo Dolci, 30 marzo 1956

Io mi rifiuto di riconoscer la legge, perché essa è l’inetta applicazione della forza cieca e stupida del numero.
Sebastien Faure

L’uomo deve produrre norme ma può produrre le norme che vuole.
Amedeo Bertolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...